.
Annunci online

abbonamento

Brano estratto dall'introduzione di Pino Corrias al Bavaglio, di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio

Intanto c’è quella di sempre. Quella delle origini dell’avventura commerciale, che Berlusconi ha coltivato in vent’anni di iridescenza culturale, nutrendone i sogni, le aspirazioni, le paure, con lo spettacolo quotidiano del proprio mondo vincente, semplificato e consumista: «Con le mie tv ho cambiato la vita degli italiani. Li ho resi più felici».

È un’Italia indifferente alla politica. Non del tutto disarmata, anche se ipnotizzata dal lieto fine. È il suo pubblico televisivo. Cresciuto (o invecchiato) dentro la sua avventura. Irradiato da un idem sentire al punto di trasformarsi, dopo la stagione di Mani pulite che terremotò tutto, compreso la politica, in un elettorato disponibile a colmarne i vuoti. E che nel corso degli anni si è sempre più identificato in lui, nelle sue ossessioni per il successo, il denaro, l’immagine, la paura dei comunisti. Che esulta e che odia con lui. Che disprezza i politici di professione, diffida dei magistrati, sente lo Stato come un intruso e le tasse come un’ingiustizia.

A quell’Italia se n’è aggiunta una seconda. Quella che d’abitudine e per differenti ragioni, viveva e vive sottotraccia, presa dal lavoro e da orizzonti privati, magari ribelle alle regole, ma in fondo conservatrice, furba, però anche dedita all’ordine, cattolica, ma con buon senso peccatrice, insofferente alle burocrazie, eppure burocratica nei desideri. Quella piccola Italia pervasiva al punto di diventare paesaggio comune, come le piazze, come il traffico di immensa provincia, ben radicata nei differenti dialetti e aspirazioni e riti domenicali. Quella che un tempo si accomodava dentro la scia multiforme della Democrazia cristiana e dei partiti di centro. Non del tutto sicura di rivelarsi, se non in famiglia, al bar, in laboratorio.

Interessata alla politica, almeno qualche volta, ma delusa dai politici per le loro inconcludenze e che, fondatamente, sospetta di mantenere.

Ma in quest’ultima bufera elettorale si è aggiunta una terza fetta d’Italia, quella che un tempo ha anche votato a sinistra, che abita nelle province del Nord e del Centro. Non ideologica. Spaventata dalla crisi economica. E da quel tavolo vociante dei vertici della Sinistra - una trentina tra segretari e vice e portavoce dello zero virgola qualcosa, accalcati come in una riunione di condominio, ma coi vestiti firmati e l’acqua minerale - che appariva ogni sera dentro la scatola dei telegiornali. Ma che al di là dei vertici combinava poco, litigava molto, appassionata di solo debito pubblico, dall’Europa. E dalla lotta quotidiana agli evasori guidata dall’odiato Vincenzo Visco. Per il resto irresoluta. Incerta come un’orchestra sbagliata. Questa fetta d’Italia è fatta anche di operai, piccoli commercianti, artigiani, precari della scuola, disoccupati. Che a forza di delusioni, attese frustrate, arrabbiature, decide di voltare le spalle alla Sinistra. Sceglie in parte l’astensione. In parte la Lega. In parte, e all’ultimo momento, il Cavaliere.

Il nuovo blocco del berlusconismo non sarà compatto, ma intanto è maggioritario. Sembra moderno. Emette energia. Ha sedotto persino i poteri forti, la grande industria, il sistema bancario. Ricicla una infinità di reduci d’altre avventure, a cominciare da quella craxiana, specialmente nel comparto economico: Tremonti, Brunetta, Sacconi. È irresistibile per i pregiudicati. Promette di allentare i rigori fiscali. Garantisce una stagione di lavori pubblici. È magnanima con tutte le perigliose biografie extra legali (dagli evasori, ai faccendieri, agli indagati per mafia). Ma con i poveracci, gli immigrati e i Rom: tolleranza zero.

Promette decisioni rapide. Incarna identità anche se multiple. E altrettanti interessi, non importa quanto contraddittori, transitando da quelli delle partite Iva del Nordest, al Sud clientelare o assistito, passando per le grandi città, il ceto medio che si impoverisce, e i milioni di precari dispersi nelle microaziende. Polverizzati nel labirinto delle nuove professioni che ha margini imprecisi, spesso fattura in nero, e campa nel sommerso.

È un blocco sociale per lo più pragmatico, abituato a cavarsela, che conosce la vita vera, lavora, ma non disdegna di muoversi per famiglie di appartenenza, clan, amicizie. Non si scalda troppo per gli scandali, i privilegi di casta, le ingiustizie, il così fan tutti. Conosce la differenza tra l’idealismo e le raccomandazioni. Si considera adulta. Non ama le illusioni. Ma in questo cambio di stagione finisce abbagliata dalla più grande di tutte, quella arcoriana e la sua missione per salvare il Paese.

Non conta nulla che sia proprio lui, il Cavaliere, a smentirla, almeno in una manciata di occasioni. Per esempio con Montanelli e Biagi: «Sono entrato in politica per salvare le mie aziende e per non finire in galera». O che sia Marcello Dell’Utri, in un’intervista del 2003, a raccontare quella vera: «C’era l’aggressione delle Procure e la situazione della Fininvest con 5mila miliardi di debiti. Franco Tatò, che era l’amministratore delegato del gruppo, non vedeva vie d’uscita: “Cavaliere, dobbiamo portare i libri in tribunale”... Poi i fatti, per fortuna, ci hanno dato ragione e oggi posso dire che senza la decisione di scendere in campo con un suo partito, Berlusconi non avrebbe salvato la pelle e sarebbe finito come Angelo Rizzoli, che con l’inchiesta P2 andò in carcere e perse l’azienda».

Chi gli crede, crede alla sua versione con il sorriso incorporato: «Questo è il Paese che amo». Non pensa al suo passato, quando lo vota, ma al proprio futuro. Confida nelle ragioni seminate in quei primi mesi del 1994, durante la discesa in campo, che si sono diffuse come un imprinting e una malattia che non passa più: è ricco, ci arricchirà, è un vincente, vinceremo con lui, è un risolutore di problemi, risolverà anche i nostri. Ama davvero il suo Paese, amerà anche noi.
Sempre immaginando, o addirittura sentendo, che almeno un po’ di quella luce accumulata dentro la sua biografia splenda per tutti. Come un immenso specchio. A patto che si creda nel suo sorriso carico di promesse. Nella sua esperienza, nei suoi disegni.

Una cosa soltanto può interferire con l’idillio, mettendolo in pericolo. Che qualcuno annerisca lo specchio e la luce. Magari un magistrato con «finalità di propaganda politica». Oppure una legge per quella pedanteria burocratica del cosiddetto conflitto di interessi, che certi giornali reclamano per pura «ideologia dell’odio», e «cultura dell’invida», e «dispetto».
Generando quel sensazionale sentimento prossimo alla condivisione collettiva di tutti i beni del leader, compreso il suo destino, incarnato in un corpo che di anno in anno ringiovanisce (segnale magico, non chirurgico) e circondato da immensa ricchezza: le televisioni, i giornali, le assicurazioni, i calciatori, le ville, i terreni, gli aerei, le barche, le mogli, le amanti, le montagne di azioni, i miliardi di euro. Che naturalmente crescono ben protetti nelle casseforti dell’uomo più ricco d’Europa, ma funzionano come una promessa collettiva, magari più prosaica d’alti ideali, ma infinitamente più efficace di quell’altro slogan a vanvera spacciato dalla Sinistra: «Si può fare».

Una ricchezza smisurata capace di assorbire qualunque ombra. Legittimata non solo dal potere che emana, ma anche dal lavoro incorporato. Ammirevole più per il primo scalino della salita («Da ragazzino vendevo temi, poi ho cominciato con le case») che per l’ultimo, sia pure la guida del governo del Paese. Oscura? Inspiegabile? Sospetta? E allora Agnelli, i petrolieri, De Benedetti? Comunque sia, ben meritata, e assai più legittima di un solo paio di scarpe, da 500 euro, di D’Alema, per non parlare di Ikarus, la sua barca.
Il consenso sta in quella vibrazione. In quel comune sentire ostile al mondo delle élite. Insofferente a quei poteri ancora tetri che abitano i palazzi della politica e dei tribunali. Agli snob che frequentano i salotti, ai radical chic che pontificano, agli intellettuali inconcludenti, ai privilegiati parolai che scrivono sui giornali, come dice il ministro Giulio Tremonti.

Un coro, una sinfonia. Ora l’apoteosi. Capace di trasformare quella vibrazione in una solidarietà crescente, e insieme in una rotonda indifferenza, per quella anomalia europea che fa di Berlusconi il primatista mondiale di interessi in permanente conflitto. Lasciando che la sua propaganda si occupi di liquidare quel primato con un’alzata di spalle: «È un problema che proprio non esiste». Non è rilevato neppure dai sondaggi, figuriamoci dagli elettori. Che a modo loro l’hanno già risolto. Ah, sì, e come? Votando Berlusconi.

sfoglia giugno        agosto

 

VIDEO

Sottoscrivi via email gli aggiornamenti di questo blog

Feed RSS di questo blog  RSS 2.0

CONTATTI
info@chiarelettere.it
Tel. +39.02.00649632
Via Melzi d'Eril 44
20145 Milano


Chiarelettere è promossa da
Pro Libro Service s.r.l. info@prolibroservice.it
e distribuita da Messaggerie



I LIBRI DI CHIARELETTERE

Metastasi
Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud.
La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito
di Gianluigi Nuzzi con Claudio Antonelli
Collana: Principio attivo
Pp 208 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Gaber. L'illogica utopia
Autobiografia per parole e immagini
a cura di Guido Harari
con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber
Pp 320 - euro 59
La scheda
Vai alla rubrica


Ai confini del mondo
Il viaggio, le inchieste, la vita di un reporter non comune.
Un libro di Giorgio Fornoni.
Un film di Gianandrea Tintori
Collana Dvd+libro
Pp 176, durata film: 60 minuti
euro 18,60 €
La scheda
Vai alla rubrica


La lobby di Dio
Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere
di Ferruccio Pinotti
con la collaborazione di Giovanni Viafora
Collana Principio attivo
Pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


1994
L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal Caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi.
Una storia mai raccontata.
di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari
Collana Principio attivo
pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nel paese dei Moratti
Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo 
pp. 256 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'Italia in Presadiretta
Viaggio nel paese abbandonato dalla politica
di Riccardo Iacona
Collana Reverse
pp. 192 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Di testa nostra
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana Reverse
pp. 224 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'agenda nera
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza.
Collana Reverse
pp.464 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La colata
di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari,
Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo
Collana: Principio Attivo
Pp. 544 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Intrigo internazionale
di Giovanni Fasanella e Rosario Priore
Collana Principio Attivo
Pagine 208 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

assaltoalpm
Assalto al Pm
di Luigi de Magistris
Collana Reverse
Pagine 336 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica

dopod il ui il diluvio
Dopo di Lui il diluvio
di Oliviero Beha
Collana Reverse
Pagine 256 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

senz'anima
Senz'anima
di Massimo Fini
Collana Reverse
Pagine 496 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica

pane e bugie
Pane e bugie
di Dario Bressanini
Collana Reverse
Pagine 320 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Controcanto
di Marco Revelli
Collana Reverse
euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Grazie

di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito dell'amore
di Mario Portanova
Collana: Reverse
Pagine 256 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Ad personam
di Marco Travaglio
Collana Reverse
Pagine 608 - euro 16,90
La scheda del libro
Vai alla rubrica


I dieci giorni che sconvolgeranno il mondo
di Alain Minc
Traduzione di Valentina Abaterusso
Collana Reverse
Pagine 128 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il patto
di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci
Collana Principio Attivo
Pagine: 338 - euro 16,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La strada di Levi
di Davide Ferrario, Marco Belpoliti, Andrea Cortellessa
Collana DVD + libro
Euro 24
La scheda
Vai alla rubrica


Giorgio Perlasca
di Dalbert Hallenstein e Carlotta Zavattiero
Pagine: 220 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Tourbook - Fabrizio De André 1975/98
di Fondazione Fabrizio De André onlus
a cura di Elena Valdini
Pagine: 484 - euro 59,00
La scheda del libro


Dentro l'Opus Dei
di Emanuela Provera
Collana: reverse
Pagine: 216 - euro 4,00
La scheda del libro


Fuori orario
di Claudio Gatti
Collana: principioattivo
Pagine: 241 - euro 15,00
La scheda del libro


Adesso basta
di Simone Perotti
Collana: reverse
Pagine: 195 - euro 14,00
La scheda del libro


La cura
di Michele Ainis
Collana: reverse
Pagine: 183 - euro 14,00
La scheda del libro


Agenda voglioscendere 2010
dal blog di Corrias, Gomez e Travaglio
a cura di Roberto Corradi
Prezzo: euro 12,90
La scheda


Il regalo di Berlusconi
di Peter Gomez e Antonella Mascali
Collana: principioattivo
Pagine: 339 - 15,00 euro
La scheda del libro


Presunto colpevole
di Luca Steffenoni
Collana: reverse
Pagine: 272 - 14,00 euro
La scheda del libro


Papi
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Collana: reverse
Pagine: 331 - 15,00 euro
La scheda del libro


Un inverno italiano
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana: reverse
Pagine: 336 - euro 14,60
La scheda del libro


Miss Little China
di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco (DVD)
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò (libro)
Collana: libro+DVD
Pagine: 77 - euro 19,60
La scheda del libro


Processo agli economisti
di Roberto Petrini
Collana: reverse
Pagine: 170 - euro 13,60
La scheda del libro


Vaticano S.p.A.
di Gianluigi Nuzzi
Collana: principioattivo
La scheda del libro
La rubrica dell'autore


Italia Anno Zero
di Beatrice Borromeo, Marco Travaglio e Vauro
Collana: reverse
La scheda del libro


I nuovi mostri
di Oliviero Beha
Collana: reverse
Pagine: 281 - 13,60 euro
La scheda del libro


La morsa
di Loretta Napoleoni
Collana: reverse
Pagine 186 - 13,60 euro
La scheda del libro


L'Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Collana: principioattivo
Pagine 337 - 16 euro
La scheda del libro


Giovani e belli
di Concetto Vecchio
Collana: principioattivo
Pagine 193 - 14 euro
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Sol dell'Avvenire
di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone
Pagine: 127
Durata DVD: 77 minuti
Prezzo: euro 19,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Il gruppo su facebook


Passione reporter
di Daniele Biacchessi
Prefazione di Ferruccio De Bortoli
Collana: reverse
Pagine: 230 - euro 12,60
La scheda del libro
Il Teatro Narrativo Civile


Lotta civile
di Antonella Mascali
Collana: reverse
Pagine: 305 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Profondo nero
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Collana: principioattivo
Pagine: 295 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La questione immorale
di Bruno Tinti
Collana: reverse
Pagine: 205 - euro 13,60
La scheda del libro
Il blog di Bruno Tinti


Io sono il mercato
di Luca Rastello
Collana: reverse
Pagine: 176 - 12,00 euro
La scheda del libro


Un paese di baroni
di Davide Carlucci e Antonio Castaldo
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il suono e l'inchiostro
A cura del Centro Studi Fabrizio De André
Prezzo: euro 15,00
Collana: reverse
La scheda del libro


La Finanziaria siamo noi
di Stefano Lepri
Prezzo: euro 13,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro


Strage continua
di Elena Valdini
Prefazione di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: euro 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


ALZA LA TESTA!
di Piero Ricca
con Franz Baraggino, Diego Fabricio, Elia Mariano
Prefazione di Marco Travaglio
Prezzo libro + DVD: euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Un nuovo contratto per tutti
di Tito Boeri e Pietro Garibaldi
Prezzo: euro 10,00
Collana: reverse
La scheda del libro


Evaporati in una nuvola rock
a cura di Guido Harari e Franz Di Cioccio
Prezzo: euro 37,00
La scheda del libro


La paga dei padroni
di Gianni Dragoni e Giorgio Meletti
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
La scheda del libro


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
La scheda del libro
Il blog dell'autrice

Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica
La giornata del risparmio energetico

 
Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani
di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica









Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Ascolta l'incipit
 
 


 



Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
La scheda del libro
Vai alla rubrica

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Toghe rotte
A cura di Bruno Tinti
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro

Vai alla rubrica

Ascolta l'incipit

Il blog dell'autore



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Collana: reverse
Prezzo: 10 euro
La scheda del libro

Vai alla rubrica



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Prezzo: 12 euro
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Paese della Vergogna
di Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Italiopoli
di Oliviero Beha
Prezzo: 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
La scheda del libro
Il blog dell'autore