Commenti

commenti su chiarelettere

post: La memoria e l'impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie

Ogni anno, da quattordici anni, l’ associazione Libera fondata da don Luigi Ciotti nel 1995 organizza la giornata in ricordo di tutte le vittime delle mafie . Lo fa simbolicamente il 21 marzo , giorno di primavera, di rinascita. Una Giornata nazionale della memoria e dell’impegno che si svolge sempre in città diverse del Nord e del Sud, ogni volta con maggiore partecipazione. Quattrocentocinquanta familiari di vittime della criminalità organizzata hanno firmato un appello perché questa iniziativa, che quest'anno si tiene a Napoli , venga istituzionalizzata. Sono i familiari che Libera è riuscita a riunire e che ogni anno si incontrano, si confrontano, raccontano come siano riusciti a trasformare il dolore privato che li ha segnati per sempre in testimonianza collettiva, in ... continua



commenti



Io ci sarò. E' la mia terra....
Diceva don Peppe Diana"Bisogna salire sui tetti e gridare la nostra forza, il cambiamento deve partire da noi"

A domani

Alex



Quello che fa rabbrividire è pensare a due Italie che coesistono nello stesso Stato.
Anche sulla scia delle dichirazioni di Genchi, pensare che la mafia sia diventata in molti casi organica allo Stato e pensare poi al sangue che si è lasciata alle spalle nel raggiungere il potere è agghiacciante.
Massimo sostegno, quindi, per quello che mi riguarda, a Libera. E un pensiero a Falcone anche quando diceva che la mafia è una cosa umana e come tutte le cose umane ha avuto un inizio ed è destinata ad avere una fine. Non si intravede ora. Ma ci sarà.



TRAVAGLIO L'HA DETTO TANTE VOLTE. SE LA MAFIA FACEVA STRAGI ERA PERCHE'VOLEVA QUALCOSA. SE ADESSO NON NE FA PIU' E'FORSE PERCHE' HA AVUTO QUELLO CHE VOLEVA. C'E'MOLTO DA MEDITARE SU QUESTO, PURTROPPO. MOLTISSIMO.







commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti