Commenti

commenti su chiarelettere

post: Per una resistenza contro "I nuovi mostri"

    ABBIAMO GIA' RACCOLTO 300 ADESIONI TRA ASSOCIAZIONI, GRUPPI FACEBOOK, RIVISTE ONLINE, BLOGGER PRIVATI. >> Le novità in arrivo La resistenza ai nuovi mostri va avanti. Aderisci riempiendo il form in fondo alla pagina. Questo censimento web delle "associazioni culturali che non mollano" vuole tenere insieme "partigiani" di valori scomparsi che si oppongono alla crisi che è prima e soprattutto culturale, e solo dopo politica. Per dare una svolta alla peggiore Italia del dopoguerra, l'Italia berlusconizzata nell'idea di società anche in larghissimi settori della sinistra. Pubblichiamo di seguito l'elenco delle associazioni che hanno aderito in tempo utile per comparire nel libro di Oliviero Beha , insieme a tutti coloro che stanno ... continua



commenti







Il derby politico "berlusconi sì berluscone no, ha piazzato con apatia la cultura tanto imitata e copiata,tanto invidiata, in tribuna come spettatore ammortito da spettacolari salti con passi nani.
Da 15 anni crisi politica e crisi culturale a pari passo,l'unico modo per uscirne è la revoluzione culturelle da attuare a tutti costi.



buona fortuna a chi vuole resistere... io appena posso scappo da questo folle paese, che secondo me non ha speranze, è veramente troppo marcio, non solo a livello politico. la mia pazienza è finita da un pezzo! bye


...è facile scappare...,io invece trovo molto interessante e lodevole l'iniziativa.Dobbiamo unire le forze per evitare il "collasso". RESISTERE,RESISTERE,RESISTERE!!!


no, non è facile, anzi... ma quando uno non vede speranze fa bene ad andare via, come hanno già fatto molte persone, che non hanno alcuna voglia di tornare in questo paese infame, giustamente.


# 7    commento di   kittykate - utente certificato  lasciato il 13/3/2009 alle 14:14

Splendida iniziativa!
Lasciatela in evidenza sempre, che tutti abbiamo modo di aderire. Sono d'accordo con coscienza critica sulla segnalazione di blog che continuano a informare, nonostante tutto.
Di resistenza ce n'è, ma è assolutamente necessario almeno dare visibilità a tutti quelli che rischiano ogni giorno, non volendo diventare servi del regime.



A Chiaelettere e/Oliviero Beha

solo alcune perplessità:
-se il libro uscirà a maggio con l'allegato delle associazioni, fino ad allora come facciamo noi cittadini non-associati a conoscerle ( a parte quelle già note come Libertà e giustizia, articolo21, liberacittadinanza, ecc)?
-comparirà una lista su Chiarelettere?
-sono associazioni con tanto di statuto?
-sono anche liberi insiemi di persone che si riconoscono per affinità e/o ideali?
-una volta censite ci sarà un passo ulteriore in senso politico?

Grazie se saprete rispondermi per chiarirmi le idee.



# 9    commento di   enrico i.m.p. - utente certificato  lasciato il 13/3/2009 alle 17:50

Unisco le mie perplessità a quelle di Angel; se resta un semplice censimento, un semplice elenco, a cosa servirà?
E' necessario che si crei un INSIEME di movimenti e associazioni e anche singoli cittadini, che agiscano insieme per l'ottenimento di uno scopo comune e cioè ridare all'Italia le sembianze di un paese civile. Ecco se questo fosse il COLLANTE che chiedevamo con tanta insistenza qualche settimana fa, ben venga.
Se invece rimarrà un elenco di movimenti, così come l'appello alla costituzione rimane un elenco di firme, avremo ottenuto soltanto un'altra speranza delusa.





# 8 commento di angel
# 9 commento di enrico i.m.p

Concordo con voi.
Oltre l'elenco delle associazioni sarebbe bene unire anche tutti i gruppi di cittadini e i blog "resistenti" dietro i quali c'è spesso una persona sola.
Contandoci ci renderemo conto della nostra forza, ma poi questa andrebbe messo in campo....



#8 commento di angel
#9 commento di enrico i.m.p
#11 commento di Kristel

Concordo anche io con voi.
Ci preme sapere se questo serve solo a contarci,o se ci saranno delle azioni concrete dopo.
Grazie.



# 9 commento di enrico i.m.p. -
#8 commento di angel
#11 commento di Kristel
# 12 commento di Lory io

Copioincollo da enrico,in quanto condivido l'appello:
"Unisco le mie perplessità a quelle di Angel; se resta un semplice censimento, un semplice elenco, a cosa servirà?
E' necessario che si crei un INSIEME di movimenti e associazioni e anche singoli cittadini, che agiscano insieme per l'ottenimento di uno scopo comune e cioè ridare all'Italia le sembianze di un paese civile. Ecco se questo fosse il COLLANTE che chiedevamo con tanta insistenza qualche settimana fa, ben venga.
Se invece rimarrà un elenco di movimenti, così come l'appello alla costituzione rimane un elenco di firme, avremo ottenuto soltanto un'altra speranza delusa."



In virtù di quanto dicevo nel primo commento e del fatto che la mia proposta è stata accolta in alcune vostre risposte, vorrei dire che una lista di 'blog resistenti' è fattibile, a prescindere dal censimento lanciato da Beha e Fazio. Noi bloggers possiamo riunirci in una sorta di cooperativa virtuale, con lo scopo di rafforzare l'informazione in rete e amplificare le nostre voci. Mettere a punto un sistema di rete vuol dire poter lanciare all'unisono appelli, notizie, suggerimenti, tutti nello stesso giorno e decisi di concerto. L'unione fa la forza, si dice. A volte scriviamo un post e pensiamo che sarebbe più utile farlo leggere a molte più persone. Possiamo farlo. Se decidiamo di diffondere tutti, nello stesso giorno, la stessa notizia o lo stesso tema (ma ognuno col proprio modo narrativo e rimanendo comunque indipendenti), possiamo avere una grande forza, proprio quella che servirebbe adesso.
Perciò, se volete, possiamo iniziare a contarci fin da subito. Lasciate anche un semplice 'io ci sono' nel post più recente del nostro blog (dico 'nostro' perché siamo una équipe) ed io predisporrò un 'luogo di ritrovo' per noi.
Siamo qui:

http://italianimbecilli.blogspot.com/


# 15    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 14/3/2009 alle 0:2

# 8 commento di angel
# 9 commento di enrico i.m.p. -
#11 commento di Kristel
#12 commento di Lory io
#13 commento di kratiasinedemos -
Ciao a tutti :-) mi chiamo rosanna ( nome e cognome lo trovate nello spazio "tua mail"),mi appoggio dalla prima all'ultima parola detta da Angel a Kratia..passando da enrico,kriestel e lory io ,ma sicuramente ce ne sono e saranno altri che:
1
come noi sanno il come,quando,ilxkè e il ki "nn ha rotto il silenzio" e spezzato le complicità che via via hanno intossicato i rapporti umani,civili, culturali,economici, politici
2
come noi hanno sofferto e soffrono x come nell'uomo medio ha preso piede e poi gamba pancia cuore testa ,il nemico con le sue omologazioni
3
come noi nn vogliono arrendersi e continuano nel loro piccolo a portare avanti una vita "di dignità" e purezza del libero pensare e stare insieme e fare e rifare
4
come noi sanno che il nemico dell'uomo si mette in condizione di essere fermato definitivamente ,solo se si sanno riunire e si riuniscono tutti quegli uomini,associazioni,movimenti "antimostro",fondati sui valori della costituzione ke sono stati lentamente sempre più svuotati,e mai come ora,ma le radici sono nel passato
conclusione:
se voi e noi lavoreremo INSIEME dal basso all'alto al diagonale e obliquo e ritorno,allora questo post,questo appello e questo censimento,avrà fatto RETE VITALE,altrimenti sarà servito solo a un libro già scritto peraltro nelle frantumazioni delle persone e associazioni sparse,che continuano a portare avanti il loro pulire il mare con il cucchiaino,quando invece il nemico è così compatto,che poteva essere affrontato con un nuovo atto ed un vero patto. Buon progetto,sogno e sua realizzazione a tutti!



ps metto una mail senza nome cognome per rendermi cmq trasparente ad altri , filidimemoria@libero.it


INVITO...

A proposito, siccome nel nostro blog non parliamo mai dei "TROPPI SOLDI" da tagliare cominciando dalle "TESTE" (battuta), ricordiamo che alle ore 9,30 di lunedi 6 aprile p.v. una delegazione di EMERGENZA DEMOCRATICA si recherà in Cassazione, a Roma in P.zza Cavour, per depositare la proposta di "REFERENDUM" in cui si chiede l'abrogazione della Legge N° 1261 del 31 ottobre 1965, la seconda e ultima Legge, in materia di retribuzione dei "PARLAMENTARI" nazionali.
Servirà a poco?
Non servirà a niente?
Forse sì, visto che comunque "DEMOCRATICAMENTE" dipende sempre da "LORO".
Ma ricordate che servono almeno 500.000 firme... almeno 500.000 "FIRME" corrispondono ad almeno 500.000 "PERSONE"... e crediamo che il numero 500.000 potrebbe essere solo un "INIZIO" per poi "COMPATTARE" moltissima altra gente sull'argomento "TROPPI SOLDI".
Quindi invitiamo, insieme ad altri emeriti "SCONOSCIUTI" come noi siamo, pure qualche persona "FAMOSA" a venire a Roma ed essere uno dei "PRIMI FIRAMATARI" di questo "REFERENDUM".
Grazie dell'attenzione...

emergenzademocratica.blogspot.com


# 18    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 14/3/2009 alle 18:1

# 8 commento di angel
# 9 commento di enrico i.m.p. -
#11 commento di Kristel
#12 commento di Lory io
#13 commento di kratiasinedemos
#15 commento di pasolinante

Mi unisco anche io ai dubbi, alle perplessità e alle speranze sottolineando la necessità del dover lavorare per riunire tutti quelli che come noi hanno deciso di vedere, di sentire e di parlare...
Mi augurerei che il contare le associazioni serva a mettere insieme, più velocemente, un maggior numero di persone, magari da aggiungere ai 30.000 singoli firmatari dell'appello Fini-Travaglio...soprattutto per diventare operativi...

Molto interessante ciò che propone 'coscienza critica', potremmo iniziare a contarci ma soprattutto a fare rete in maniera diversa...l'unione fà la forza! ;-)


frada79@hotmail.it



# 19    commento di   Max/9 - utente certificato  lasciato il 15/3/2009 alle 10:32

Grandi Beha e Fazio. Sottoscrivo ogni parola.

Il disastro di questo Paese è innanzitutto culturale, poiché ciò che è accaduto in Italia poteva accadere solo in una Nazione fatta in massima parte di gente totalmente priva di cultura e di senso civico.

Gente priva di valori che non siano i valori deviati inculcati da una TV commerciale fatta da persone senza scrupoli e senza morale.



# 20    commento di   o.b. - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 16:13

Capisco e apprezzo i dubbi su qualunque iniziativa che non faccia
vedere immediatamente la sua ragion d'essere. Ebbene, questo
censimento politico-culturale (scusate, intendevo culturale e quindi
politico) è un primo passo sulla strada di una rete nella Rete, per
tenere insieme chi davvero culturalmente ne ha piene le scatole, ossia
non vede futuro per sé, figli, sistema-paese ecc. E' ovvio il senso
politico di tale rete, e domandarci se può riguardare i meet-up di
Grillo è pleonastico. Riguarda tutte le associazioni che intendano
lavorare in questa direzione. Ci vorrà tempo, dopo una simile
devastazione. Ma prima si semina, prima si raccoglie senza pretendere
"ricette" pronta cassa. Se si dimostrerà sensata, utile, magari necessaria
questa campagna continuerà sul web senza interruzione, mentre la
prima parte cronologicamente avrà anche la sua versione di
censimento cartaceo come appendice al libro "I nuovi mostri" che ne è
l'occasione di partenza.
Se avete idee migliori, ditelo.o.b.



# 21    commento di   enrico i.m.p. - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 18:30

@Oliviero Beha
"un primo passo sulla strada di una rete nella Rete etc....".
Ottimo.
Riunire le associazioni ma anche i singoli cittadini al di fuori dei movimenti (cittadini stanchi, disgustati, delusi, incazzati) che si sentono impotenti ma vorrebbero fare qualcosa di concreto. Se questa rete di persone qualunque crescesse "attorno e insieme" a tutti quei personaggi famosi che hanno ancora un'anima cristallina e che nei loro settori hanno dato eccellenza all'Italia (Dario Fo, Tabucchi, Beha, Pino Maniaci di Telejato,etc. etc.) si potrebbe creare quel movimento civile (perchè non chiamarlo FIUME UMANO?) capace di spazzare via il grigiore che soffoca l'Italia).

DALL'INNO DI MAMELI:

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi
Perché non siam Popolo
Perché siam divisi
Raccolgaci un'Unica
Bandiera una Speme
Di fonderci insieme
Già l'ora suonò

Uniamoci, amiamoci
L'unione e l'amore
Rivelano ai Popoli
Le vie del Signore
Giuriamo far Libero
Il suolo natio
Uniti, per Dio,
Chi vincer ci può!

Uniti, non divisi; insieme, anche se diversi l’un l’altro. NOI e non più IO.

enricobeatrice@alice.it




p.s. l'aver inserito Oliviero Beha tra i personaggi dall'anima cristallina non è un'azione leccaculistica! Io lo penso veramente. PER LA PRECISIONE


# 23    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 20:31

Carissimo anima cristallina Beha(come dice Enrico),
importante questo tuo commento con cui hai dato particolare senso "visibile/tangibile" al progetto complessivo ke avete e ke dobbiamo avere..comprendo il senso del tuo intervento,perchè forse nemmno voi,con visioni più formate e informate per professione,potevate immaginare che si andasse a finire in una s_vuotocrazia come ho definita ormai dentro me, questo tipo di regime,basato sul vuoto umano culturale,terreno "fertile" del senza senso antiuomo ke viviamo,in cui nulla dei poteri forti può essere intercettato dall'uomo ridotto a non pensante,ke anzi ne vede un modello da seguire

il tuo 20 è un "passo" importante a darci,senza eccessi di critica, fiducia reciproca, ed affidandoci gli uni agli altri anche fosse quel primo movimento musicale addensante collante resistente e costituente quella maglia,una sull'altra,a fianco,senza costringere,scegliendo "di fare rete"..l'unica cosa che vorrei cambiare delle tue parole,la integrerei solo x dar risalto al vostro impegno insieme al nostro ,ed è in quel passo che dici del.."del primo passo nella rete" a cui aggiungerei nella rete e fuori dalla rete.. ovviamente i libri si scrivono nelle pagine, ma i progetti di "autoaiuto umanitario" che vogliamo/dobbiamo darci, passano attraverso ogni possibilità di conoscere/conoscersi/riconoscersi/contarsi/contattarsi e contare l'uno per l'altro nelle interazioni, quelle appunto vincenti di cui nn pentirsi un domani di nn averle tentate..tanto come oggi senzaltro nelle sue stanze private(quindi senza responsabilità davanti a un popolo)starà facendo certa sinistra(pd ovviamente compreso)ovviamente lontano dalle telecamere e da noi..nn essersi posta compatta contro il nemico causa il suo secolare complesso di superiorità,come quello che ha avuto il nord sul sud pensando di andar immune dal fenomeno mafie,beh deve essere un bel peso.Quindi dobbiamo fare tutto noi..come a interiorizzare ke se quasi venti anni fà si fosse procedu



# 24    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 20:33

..Quindi dobbiamo fare tutto noi..come a interiorizzare ke se quasi venti anni fà si fosse proceduto a correre ai ripari,altro sarebbe stato il nostro "romanzo"..cosi ora dobbiamo immaginarci come saremo fra dieci anni se voi non pro_cedete a questo libro per praticarlo in un noi complessivo autori-lettori,dentro e fuori le pagine da libera a leg a grillini e ammazzateci tutti o i circoli letterari o anche i teatri di strada e le associazioni di cultura nomade o le mense per i poveri ecc..sapere dove siamo,chi siamo,come identificarsi,cosa unisce,è processo assai importante..Se noi nn faremo rete,ben oltre i meetup di grillo,sicuramente encomiabili,ma avulsi da un coordinamento umano sociale civile (politico) efficace per il maggior numero possibile di persone/cittadini,avremo dimenticato un passo essenziale al prima durante e dopo quel libro,che consenta di passare a un capitolo più luminoso del romanzo impopolare all'italiana che tutti viviamo e fra dieci anni,sarà stato per quel "noi" come ora lo è per la sinistra.

Quindi spero che le vostre pagine rete si facciano sempre più teoria=pratica di quelle "connessioni" che sono mancate a riunirci tutti uno per uno,sparsi e senza massa specifica, come al contrario tutto sa del territorio ogni vuotista svuotatore dai voti svuotati e dei vuoti di merito

un caro saluto ,con fattiva speranza e con affetto profondo per aver custodito in te la tua autenticità-
rosanna



Grazie della risposta, signor Beha.
Trovare qualcuno di visibile che risponde a cittadini invisibili,vuol dire tanto.Proviamo a capovolgere questo modello culturale,civico e politico, unendoci e proponendo un
modello diverso.Per questo -IO + NOI.
Grazie



Grazie per la celere risposta Olivero Beha.
Capisco che non possiamo ricevere "ricette pronta cassa",ma alcuni paradossi incomprensibilmente illegali stanno passando ogni giorno sulla testa degli allievi delle scuole, in particolare Medie,senza che nessuno le conosca:
per praticità copioincollo la lettera che oggi ho inviato ad un Comitato di genitori e docenti di Torino, e alla CGIL/FLC, relativamente allo scioperino di mercoledì prossimo:

"Ciao a tutti,insegno alle Medie, nella Valle Chisone e Germanasca,
Vorrei

sapere cosa proponete per ciò che sta accadendo quotidianamente all'ex scuola

Media. (secondaria di I grado)
Ogni giorno ci arrivano circolari o volantini

sempre "peggiorativi".
L'ultimo questa mattina, dal Ministero ( ci tengo a

sottolineare che il documento in oggetto conteneva , tra l'altro,pure errori di

sintassi...!) : oggetto: valutazione :
Alle Elementari non si boccia più,
alle

Medie si boccia con 1 sola insufficienza in qualsiasi disciplina,e , se in III,

non si viene ammessi all'esame;calcolando che i nostri sono

preadolescenti/adolescenti, una pagella "normale"-media può andare da 1 o 2

cinque a uno, due dieci,passando per 6,7,8,9 :e bocciamo per questa
situazione?

altrettanto con il 5 in condotta; bocciatura,
il 5 in condotta è
stato
"rivisto" : non più per gravissimi motivi, ma "solo gravi", in pratica

basterebbero 2 note sul registro (2 perchè vuol dire reiterazione dell'errore),

per avere il 5 ed essere bocciati;
Riflessioni :
si sono accorti di vari Orrori

(dire Errori è troppo limitativo),di falle da coprire "come si può", chiudere

la stalla dopo che i buoi sono scappati :
si trovano con insegnanti da dover

pagare senza che questi abbiano la cattedra o il completamento!
Cioè una

Nonriforma fatta dalla e per la finanziaria,che di didattico non ha

assolutamente nulla,che s



# 27    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 21:54


Nonriforma fatta dalla e per la finanziaria,che di didattico non ha

assolutamente nulla,che si trova a gestire i suoi tagli,pagando docenti a cui

hanno tagliato il posto!?!
No, allora bocciamo, così avremo in ogni scuola

almeno una , due, tre classi in più...ed i posti saranno coperti. E' questa la

"logica" (se di un disegno "logico" si può parlare?)?
Teniamo conto che :
1-

sono sparite del tutto le "abilità", le capacità, le prerogative, le doti, i

problemi ecc... di ogni singolo allievo;
2- la collegialità dei docenti; Chi

vuole mettere 4 o 5 si prenderà la sua propria responsabilità rispetto alla

bocciatura;
3-la programmazione individualizzata (di "obiettivi" non se ne

parla già più da settembre!)
4-il concetto di "educare consapevolmente una

testa ben fatta e non ben piena"...!
5-si toglie informatica (alla faccia della

scuola del futuro!)
6-si parla della scuola in termini calcistici (1 richiamo:

cartellino giallo; 2 richiami cartellino rosso :5 e bocciato)
7-inutilità

pertanto di recuperi, approfondimenti, onde non rischiare la soglia del 6 lì

dove questi non fossero attuati (per esempio : attui approfondimento in

lettere/storia e prendi 10,ma non essendoci recuperi di inglese ti rimane il

5...che fai allora? : bocciato?)
Ci sarebbero tanti altri punti,
ma credo che

questi siano sufficienti per ragionarci sopra e capire cosa fare.

Lo sciopero

è organizzato per mercoledì, e non so se questa volta lo farò oppure no. Così
la pensano molti miei colleghi, che,come me, hanno sempre, sempre scioperato.
Mi
sembra inutile, inutile se non è affiancato da qualcosa di concreto.
Cosa?

Ci
pensiate bene voi!! Pago la tessera da 30 anni mica per nulla...e se non
l'ho già
restituita è per "senso dell' unità"...di quale, poi? Di mio ho dato e
tanto! Ora non ho più nè fantasia, nè



# 28    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 16/3/2009 alle 21:59

Ora non ho più nè fantasia, nè volontà di cercarla ancora.Ora tocca
davvero a voi se volete continuare a rappresentarci!
Quelli vanno avanti come

bulldozer, e noi uno scioperetto a metà marzo! E pure divisi!
L'avevo urlato

all'assemblea sindacale che dovevate farci scioperare con tutto il pubblico

impiego e tutti a Roma! Col cavolo che ci avete ascoltato!

Perchè devo

regalare al Ministero altri 80 euro, dopo che gliene ho già lasciati diversi

per tutti gli "scioperetti" da ottobre...? E sempre divisi?
Sono
davvero
stufa.E a me che ne viene? Io il posto ce l'ho, non sono a rischio, non
sono
colpita...ma accipicchia,smuovete gli altri! In testa i precari! E i
genitori!
Proponete,agite, svegliatevi anche voi!
Vedere la scuola ridotta così, e i
ragazzini trattati così è l'unico
motivo per cui non mollo ancora. Ma sapeste
che voglia ho di dire "la volete
così? Tenetevela, vedremo tra 2, 3 anni..."


simonetta
colucci

coluccisimo@libero.it



ALMENO PROVIAMOCI!...

C'è ancora chi insiste sul fatto, e ne è convinto, che agendo sulla "GIUSTIZIA" e/o sull'"INFORMAZIONE", sul "LAVORO" e/o sulle "INFRASTRUTTURE", su questo e/o su quell'altro, votando per Tizio e/o per Caio, in Italia "TUTTO" si sistemerà.
Infatti ne siamo convinti anche noi.
Il problema è che purtroppo noi siamo un po' più convinti, avendone le "PROVE" dalla "STORIA", che la situazione per la "DEMOCRAZIA" italiana non solo non è migliorata, ma anzi è perfino peggiorata, nonostante governi e/o governanti diversi, politici e/o politicanti vari, partiti e/o votanti variegati, giornalisti e/o mass media appecoronati, manifestazioni e/o sindacati ideologizzati, maestranze e/o lavoratori categorizzati, leggi e/o magistrati più o meno adeguati.
Ecco quindi perché siamo sempre più convinti che se "PRIMA" non si tagliano drasticamente i "TROPPI SOLDI" che permettono ai "PRE-POTENTI" di qualunque "CASTA" (ripetiamo, "PRE-POTENTI" di qualunque "CASTA") di controllare e ricattare la "GIUSTIZIA", l'"INFORMAZIONE", il "LAVORO", le "INFRASTRUTTURE", ecc. ecc., in Italia mai "NIENTE" si sistemerà.
Come?
"UNENDO" e "COMPATTANDO" i cittadini "ONESTI" e in "BUONAFEDE", facendoli scendere in piazza senza "BANDIERE" e "COLORI", per mettere seriamente "PAURA" ai signori "PRE-POTENTI", insistendo sull'"UNICA" cosa a cui davvero tengono, i loro "TROPPI SOLDI", minacciandoli di lasciarli completamente in "MUTANDE" se non faranno immediatamente drastici "TAGLI" ai loro "INGIUSTI" guadagni.
Ed è la sola cosa che "STORICAMENTE" non è "MAI" stata fatta.
Questo è "PESSIMISMO" o troppo "OTTIMISMO"?
La "STORIA" non è né "OTTIMISTA" né "PESSIMISTA", è solo ed esclusivamente "STORIA", per cui ai posteri l'ardua sentenza...

... sì vabbè, però prima almeno "PROVIAMOCI"...

emergenzademocratica.blogspot.com


P.S.
@27 /28

Vorrei solamente chiarire che il mio intervento sull'urgenza quotidiana nelle scuole,è solo "un" esempio per spiegare l' "urgenza" degli interventi che bisogna attuare. Per cui muoversi di conseguenza.
Non mi sembra ci sia rimasto molto tempo per difendere quel minimo accenno di dignità di cittadini che ci è rimasta.




Purtroppo non ho un blog, nè un sito. Sono troppo vecchio per queste diavolerie. Tuttavia alla mancanza di confidenza con il PC contrappongo un volontà di reagire se non superiore, almeno uguale a quella dei giovani. Pertanto propongo di raccogliere le firme anche di coloro che non potendo gestire un BLOG, hanno voglia di cooperare allo scopo unico e primario di liberarci da questa ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE DI STAMPO POLITICO-MAFIOSO, e farlo con metodi DEMOCRATICI. Insomma una specie di archivio di firme di ATTIVISTI, o qualcosa di simile.
Sono disposto, e credo moltissimi, di aiutare finanziariamente il MOVIMENTO, con il sacrificio di qualche PIZZA, (di tanto in tanto)



Sig. Franco Devi,
Ci vorrebbero tante persone come lei !
La sua lettera-messaggio ci ha colpiti molto e vedrà che senza dubbio anche lei farà parte dei movimenti di tutte le persone in cerca di riprendersi la dignità umana e costituzionale di cui ci svuotano quotidianamente e di cui saremo ben presto totalmente privati!
Grazie ancora per le sue belle parole







# 34    commento di   Stranigiorni - utente certificato  lasciato il 19/3/2009 alle 14:0

Penso che allargare il censimento anche alle iniziative presenti in rete sia una cosa giusta, anche se probabilmete più complicata da gestire. Cmq oltre al mio blog ho anche un gruppo facebook con più di 70 mila iscritti.
I&I informarci ed informare
http://www.facebook.com/group.php?gid=49654847534&ref=ts
so perfettamente che ha un valore molto relativo ma sarei felice di contribuire in qualche modo.
grazie

http://www.stranigiorni.ilcannocchiale.it/


ritengo ottima l'iniziativa di chiarelettere,ma penso che vada allargata non solo alle associazioni,perchè ritengo che ci siano molte(e sperano siano davvero molte)persone comuni che non appartengono ad alcuna associazione ,ma che comunque vogliono continuare a resistere e dare il loro contributo.
il sottoscritto è per primo una di queste persone...
credo che in questo momento informare e coinvolgere tutti gli italiani sia fondamentale



Come osservato in diversi commenti, penso anch'io che un appello di sole associazioni sia un po' riduttivo, non solo in termini numerici -una associazione magari ha 100.000 iscritti (è solo un esempio) ma compare per uno, al pari di un'altra che magari rappresenta qualche decina di iscritti - ma anche in termini di visibilità e di contributi effettivi ad una discussione o una possibile iniziativa futura.
Penso che le persone indignate in Italia siano tante.
Penso che possa avere più peso un appello firmato non solo da associazioni ma anche da singoli, personalità e cittadini comuni, anche se al momento non è chiaro quale sviluppo concreto potrebbe avere questo eventual raggruppamento.
Ma ovviamente le scelte competono a chi ha lanciato l'iniziativa.
Un saluto.

http://www.mimuovofacciocose.splinder.com/




Caro signor Beha
L'iniziativa da lei proposta non mi sembra che aiuti concretamente la comunità italiana. Tutt'al più serve al suo libro. Fare un censimento? Va bene, ma poi?
Non so se si rende conto (anche leggendo questi commenti) di come nel Paese ci sia bisogno di coesione-per-una-rinascita. I cittadini vogliono essere parte attiva, vogliono vedere dei risultati, non vogliono soltanto vedere i propri nomi scritti in un capitolo di un libro, seppur autorevole come il suo.
Con affetto





commento 38 angelo

gentile Angelo, credo che alla fine sia anche utile conoscerci il più possibile tra di noi (movimenti, associazioni e comuni cittadini) per essere e sentirci coinvolti.
Non più gente ,gregge manovrabile e docile, ma cittadini consapevoli e impegnati.



# 41    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/3/2009 alle 9:34

mi rivolgo al signor Angelo , di cui condivido il sentimento se è questo che vado a descrivere, mi scusino quindi sia per primo il signor Angelo, sia gli altri , sia nn ultimo gli autori del futuribile libro..
premetto che nell'interpretazione potrei "proiettare" un mio approccio"ragione e sentimento",ne sono consapevole, ciò non mi scusa nel momento in cui potrei "usare" altri per dimostrare quindi un mio pensiero,azzerando la dovuta immedesimazione nell' "altro " .

siamo in una situazione in cui tutto è già stato scritto ..più di ogni atrocità di stato incivile in cui siamo vissuti e stiamo vivendo ( non solo partitico o politico ma per primo umano) c'è poco da sapere , rimane chiaramente a carico di chi fà per mestiere il giornalista , non essere servo di nessuno e continuare a stare sul pezzo(di verità da raccontare)..in un paese normale non dovrebbe essere così difficile non farsi comprare da niente e nessuno ..
se si vuole parlare , raccontare, "riassumere" e "mappare" chi lavora nei particolarismi sparsi e a volte ammalati dello stesso difetto all'italiana (individualismo e gurismo e leaderismo sfrenato)e si raccoglie in un blog commenti e iscrizioni di tali movimenti (ed anche singoli) occorre consapevolezza e chiarezza da parte di chi se na fà parte promotrice e attiva ..la situazione è andata così oltre che "ogni singolo", ancorchè agganciato o meno a un'associazione, se è rimasto minimamente fedele alla sua capacità di elaborare la realtà, ha sviluppato incredibile senso di impotenza(es.sentire di nuovo ieri sera da report gli orrori dalla legge mammi alla legge gasparri e tutto il resto , nn può che rifare un male bestia e punto..occorre è vero farlo,ma i vari milioni che ci sono ancora ,x stima grossolana direi dai tre ai cinque,sanno già queste cose e cosa possono farsene di saperle e risaperle?se ne fanno puro dolore)

"il marketing" civile richiede un passo avanti , che i vari protagonisti più o meno visibili devono fare senza



# 42    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/3/2009 alle 9:35

..senza per questo chiedere noi a loro di candidarsi in questo o quel partito o movimento ma solo di essere ponte di cultura del dissenso "d'insieme" xkè a un qualsiasi sconosciuto ,singolo o associato di noi, nn ci si fila nessuno..

i temi stessi impongono un'espansione di consapevolezza e senso di responsabilità da parte di chi pro-muove un'interazione come quella in oggetto a questo post, forse il signor Angelo rileverebbe questo eventuale deficit motorio della coscienza da parte di chi pur con lodevolissimo intento come gli autori del futuro libro,hanno sottovalutato le obiezioni anche di un numero esiguo di lettori ,quindi campione nn significativo,

se non si è ignoranti della propria storia , di ciò che l'ha contaminata rendendola sempre più tragica, cresce l'amarezza progressivamente di anno in anno e uno dei danni che dovrebbero censire quando faranno una specia di norimberga, sarà quella della depressione diffusa e crescente non solo ai più sensibili ai temi politici

c'è chi continua a fare libri, senza poter modificare con le proprie pagine il romanzo antipopolare d'italia che ci accomuna e ci rende tutti uguali , vittime di fronte a un nemico molto più "organizzato" e "associato" di ogni nostro più puro associazionismo, cultura , singolo ..e forse è ora che chi si occupa di formare e informare le coscienze civili rimaste al paese, e che ha datto tutto il suo impegno intellettuale,"rinasca" in una forma collettiva o partners o associata come è in azienda fra le liberi professionisti..del resto di fronte a un parlamento che diventa un assemblea degli azionisti e un cda il governo occorre esplorare nella forma luminosa, e senza farsi contaminare dalla cultura di questo tipo di potere, tecniche innovative e ancora tutte da esplorare in italia, per r_accogliere in -formazione più interattiva fra le diverse basi (lettrici) e i loro "pensatori"(scrittori/giornalisti ecc) al fine di trasformarsi in una rete complessiva di un settore del "m



# 43    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/3/2009 alle 9:37

del "mercato culturale" necessario alla sopravvivenza della speranza e della fiducia reciproca per travasare flussi continui fra pensiero azione pensiero,finalizzato al cambiamento radicale richiesto x ritornare a vivere in un paese che inizi ad applicare la sua migliore costituzione. Se non si pro_cede con chiarezza,forse si potrebbe perdere anche "la fiducia" in questa rela-azione, e non è proprio il caso vista l'autenticità di giornalisti come Beha e basi come il signor Angelo.

un caro saluto a tutti e perdonate la incapacità personale di sintesi o altro ancora

rosanna





Intendo dire che il Paese è morto! Occorre agire e al più presto, se vogliamo far rinascere la democrazia. Unire le forze, certo, anche le voci... ma non in un libro, foss'anche di un Nobel per la letteratura.
Qui non è certo in discussione l'autorevolezza di Beha, bensì il metodo proposto ed il fine ultimo. Non è ponendo il proprio nome su un elenco che cadrà il governo, magari fosse così semplice! Neppure le firme raccolte da Grillo son servite.
Non vorrei sembrare disfattista o, peggio, menefreghista. Al contrario, sono qui anche per esortare chi ha più autorevolezza di me, più notorietà, più popolarità, a intraprendere concrete iniziative di azione (non violente, è chiaro), che non siano editoriali e/o personali.



# 46    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/3/2009 alle 19:57

x angelo
condivido appieno tutto quanto hai scritto..ma posso lasciarti solo la mia mail, ho puntato tutto sul dissenso riUNITO ..difronte a un nemico compatto ,bisogna esserlo , anche solo inventadosi con il solo sentimento come le madri in argentina , ma in italia l'individualismo e la popolarità regna sovrana non solo dalle parti del nemico e rimanere completamente liberi , fà rimanere lucidi e soli , come forse sono rimasta più di te a vedere osservare sentire che pochi hanno la consapevolezza con cui hai esposto senza qualunquismo o disfattismo, anzi..solo che non si è compresi, solo con due persone in croce , ho capito fino in fondo questa cosa , non si è compresi nell'esortare un'azione riunita di rianimazione collettiva per il bene comune trasversale ..il dissenso disorganizzato e sparso, politico e intellettuale o giornalistico sta facendo lo stesso errore che fece la sinistra nelle sue diverse forme verso fine anni 80 e anni 90 ..noi vorremmo fermare il tempo , fargli vedere che fra dieci anni saranno nelle loro stanzette della coscienza , senza farsi vedere da nessuno, a piangere..ma non possiamo aprirgli gli occhi..la verità non è solo scomoda x il nemico della persona, del cittadino, dello stato di diritto ,delle istituzioni ...

ciao
filidimemoria@libero,it



Ho la sensazione che si corre il rischio di fare una gran confusione di situazioni oggettive ed emozioni differenti. In questo momento storico e politico, che vede lo smantellamento pianificato di qualsiasi organizzazione sociale, partiti, sindacati, così da trasformare l’individuo in un essere solo e disperato, l’unica cosa che possiamo e dobbiamo fare è tentare di mantenere i contatti con le persone che non si sono ancora trasformate in zombie. Ossia, pensare, parlare, scrivere, poi, ma solo poi, tentare di costruire una struttura nuova, con idee e programmi ben chiari. L’errore che commettiamo, tutti, sempre, è quello di aspettarci dall’altro qualcosa, e in sintonia, per giunta, con quello che è il nostro pensiero: Grillo deve fare, Beha deve fare, quel tal politico deve fare, ma loro fanno qualcosa! iniziamo noi a fare qualcosa, invece di piagnucolare, un po’ di fiducia in noi stessi già migliorerebbe le cose.
Possiamo fare il nostro dovere d’individui pensanti, per iniziare, che ne dite?
E se provassimo intanto a sostenere almeno una discussione?
Ciao
MASSIMO PERINELLI

www.ilgiardinodizarathustra.it



rispondo all'invito di Massimo Perinelli e lancio il primo tema di discussione:

come rendere attuale cioè praticata , messa in atto, la nostra Carta costituzionale?





prima anora forse sarebbe necessario chiedersi: conosciamo la nostra Costituzione o ci bastano le parole dette dal nostro premier?



Sono convinto cge, prima di far rispettare la legge occorre far nascere lo spirito di responsabilità (e poi di solidarietà).


Sono d'accordo con l'iniziativa, ma deve essere estesa anche a tutti i cittadini, non solo alle associazioni.
Bruno Baggio









scusate per l'ot (anche se non completamente!)



Vengo a sapere che alla manifestazione per Genchi che doveva essere davanti alle questure d'italia sono 4 gatti
a milano (spostata in piazza cavour) tra le 25 e le 30 persone.

Ci rendiamo conto della gravità?
e parlano di manifestazione NAZIONALE????

come è stata pubblicizzata questa manifestazione?

E per rientrare nel tema di questo post, se non riusciamo a fare della comunicazione il nostro punto di forza, continueremo a raccontarci tra noi quello che viene organizzato come forma di protesta, così come continueremo a farci solo del male con le informazioni 'libere' che ci vengono date da quei pochi giornalisti rimasti ancora liberi.







l'inquinamento culturale è stato lento,ma vittorioso,hanno iniziaTO i comunisti mentendo su fatti storici e guardando all'Urrs come il paese delle vere libertà,poi è venuto il berlusconismo,ma prima la corruzione di migliaia di italiani disposti a tutto per ottenere tutto,poi sono venute le televisioni diventate terra facile di false ideologie,di mode violente,volgarità(uomini e donne,il grande fratello ecc.)di personaggi ambigui,poi la disaffezione verso la cultura considerata inutile se non dannosa,dopo tutto questo l'italia è da rifare ,ma gli uomini dove sono?E dove sono le donne che vorrebbero solo andare in tv per esibirsi e mostrare i seni rifatti?La crisi è enorme e non so più chi ci potrà salvare



Non dimentichiamo però che dalla liberazione in poi c'è stato un lungo periodo di democrazia cristiana, di cui gran parte degli attuali al potere sono figli...

io credo che non dobbiamo più sperare nell'uomo forte che ci salvi, abbiamo chi ci può aiutare a capire ma dipende da noi cambiare e riuscire a cambiare questa inedia e sudditanza.

Dobbiamo ricominciare a dare significato alle parole che sono state mistificate e travisate: ad esempio eroe, libertà, legalità, valori, pace...

eroi: se si definisce eroe Mangano o la Impregilo, capiamo che c'è qualcosa che non va!



Hola,
credo che se siamo qui è perchè riteniamo che l'iniziativa abbia in se i semi, le potenzialità per divenire qualcosa a cui tutti teniamo, legata alla cultura e alla libera informazione.
Personalmente non credo sia ancora il momento dei distinguo e dei dettagli, vediamo l'insieme e lasciamoci stupire.
Mi avventuro in una proposta credo semplice da realizzare.
a) creare un insieme di giornalisti o aspiranti tali che scrivono cio' che i grandi media non pubblicano
b) un insieme di siti, al cui interno, venga inserita una pagina (es: "stampa diffusa" o copiando una trasmissione "la stampa non si rassegna") dove verranno pubblicati gli articoli dall'insieme (a), in questo modo ogni sito manterrà la propria identità, dando nello stesso tempo spazio "diffuso da mille rivoli", un contributo alla visibilità a chi o cosa, i grandi media non pubblicano.
c) un blog tecnico-organizzativo tra i webmaster dei siti (b).

hasta presto


http://www.lariserva.net


gentile freedog,
mi scuso ma non capisco nel concreto la proposta, che comunque sarebbe interessante per una diffusione capillare dell'informazione, tuttavia credo andrebbe incontro a problemi rischiando di divenire come un organo di stampa che in rete deve seguire delle regole più rigide (almeno mi sembra).

ad esempio alcuni magistrati hanno il sito: uguale per tutti
http://toghe.blogspot.com/
e potrebbe essere anche per i giornalisti e/o aspiranti.

(Io comunque sono un cittadino comune e anche in pensione, non così veloce nell'apprendimento dei sistemi di rete)

cari saluti



sempre per freedog

dopo aver scritto ho aperto il link de lariserva.

ma non è già qui la risposta e la proposta?

(a parte che ha una ottima leggibilità!)



#59 #60
Gentile Angel,
giustamente devo dettagliare meglio la proposta, che non ho fatto nel precedente messaggio proprio per dare spazio a critiche consigli o altro.
Provo ad esporla proprio partendo dal mio sito;
è un sito dove io e pochi altri (per ora) esprimiamo opinioni, pensieri ed altro, come tanti altri siti, dove con pazienza e ricerca, pubblico anche i riferimenti di altri articoli o iniziative che ritengo valide. Ma certamente è mancante di tanti altri contenuti che sono in rete ma non sul sito mancanza di tempo e collaboratori. L'idea è che i giornalisti che hanno poco spazio o non ne hanno, ma anche i magistrati che lei segnala o altri, si facessero carico di inviare gli articoli, le inchieste, le iniziative ad una mailing-list (lista di e-mail) dei responsabili di siti(webmaster) come il mio o piu' importanti, che si siano resi disponibili a pubblicare quanto sopra.
Quindi ogni sito che accetta, continuerà ad avere una sua struttura e la sua linea, in piu' ci sarà una pagina (magari standard), con un nome unico per tutti es: "la stampa non si rassegna" o altro titolo, dove noi, responsabili del proprio sito web, pubblichiamo quanto ci arriva dal gruppo "scrittori", in modo da dare diffusione "diffusa" a quello che i media "istituzionali" non pubblicano o pubblicano in ultima pagina.
Ognuno di noi ha dei siti che visita con piu' frequenza o con piu' simpatia, se tra questi ce ne fosse uno del "gruppo" potrebbe leggere ed essere informato e diffondere la "diversa-informazione" senza girare troppo in rete alla ricerca di detti articoli.
Il resto è organizzazione tecnica,
- una mailing list dei webmaster per chi scrive
- una mailing list di chi scrive per i webmaster
- un blog chiuso per i webmaster dove discutere dei problemi tecnici
- eventualmente un logo del "ring" dei siti che ne fanno parte.
Per questo vedo nell'iniziativa del cannocchiale qualcosa di potenzialmente vicino alla mia idea.
Il tutto deve essere si

http://www.lariserva.net




non mi compare l'articolo nè il modo di firmare || pagina bianca !! non ho mai avuto problemi a visualizzare il canocchiale
daniela



non so se é l'eta o l'ora tarda ma come molti l'articolo mi lascia perplesso
non é detto perche uno scrive dobbimo tutti aplaudire ci sono alcune cose per me difficili a decifrare per esempio
SENZA SCHIERARSIIN PARTENZA PER NESSUNO e dopo????????
credo che la maggioranza viene nel sito per mandare A.F.C. il nano
secondo se avete letto il N.B. dice
CHIARELETTERE SI RISERVA DI PUBLICARE LE ADESIONI
a mio modesto avviso questa é censura
perche chiamare a raccolta tutti per salvare questo derelitto paese ma poi ci si permette di dire TU SI TU NO
credo proprio che in una cosa abbia ragione siamo una massa di individualisti io compreso





1.000 x 12 = 12.000
20.000 x 12 = 240.000
240.000 : 12.000 = 20
Che significa?

Mi spiegheresti per favore quest'altra cosa?
Prima dell'euro...
15.000.000 di lire al mese
2.000.000 di lire al mese
Con l'euro...
15.000 euro al mese
1.000 euro al mese



OK, VERAMENTE UN BEL PROGETTO, ANCHE SE VIENE DAVVERO VOGLIA SCAPPARE LONTANO DA TUTTE LE NOTIZE. MA PERCHE' NON INSERIAMO TRA I NUOVI MOSTRI LO STATO DELLA CHIESA E IL PAPA? PERCHE' NESSUNO HA IL CORAGGIO DI TIRARE IN BALLO LE ASSURDITA'E LE IPOCRISIE DELLA CHIESA. PERCHE' NON PARLARE DELLA SPINTA VERSO L'ALTRUISMO CHE SI RACCOMANDA AI FEDELI,INVECE IL VATICANO CUSTODISCE BENE LE PROPRIE RICCHEZZE SENZA AIUTARE I BISOGNOSI, COSI' COME STA' AVVENENDO ANCHE PER QUESTA ULTIMA IMMANE TRAGEDIA IN ABBRUZZO? MA COME SI PUO' ACCETTARE CHE SOLO CON LE PAROLE PENSANO DI AIUTARE LA GENTE, SEMPRE IN NOME DI DIO. E SEMPRE IN NOME DI DIO PROCLAMANO L'ALTRUISMO E LA CARITA', MA SOLO DI ALTRI. NESSUNO TOCCHI IL LORO IMMENSO PATRIMONIO


ho mai fatto parte di un gruppo non ho sentito l'esigenza eppure in tempi di regime strisciante incomincio a sentirne la mancanza. i prelati non vengono inseriti nei nuovi mostri perchè non farebbero notizia ne ridere: chi si nutre di anime di sangue di potere di miliardi da oltre 2000 prendendo in giro dio stesso. beh credo che bisognerebbe inserirli nei " mostri più grandi nella storia dell'uomo" vincerebbero la coppa d'oro.




IO CI SONO




# 72    commento di   N3m01983 - utente certificato  lasciato il 30/8/2009 alle 16:4

Bella iniziativa... Ma io come singolo non facente parte di organizzazioni, liste civiche, associazioni, partiti... Come faccio a farne parte?
http://WIMH1983.spaces.live.com/





































commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti