Commenti

commenti su chiarelettere

post: Quando l'opposizione è peggio della maggioranza

TOGHE ROTTE: LA RUBRICA SULLA GIUSTIZIA DI BRUNO TINTI I progetti in materia di riforma della giustizia presentati da D’Alema - Casini e Vietti - Di Cagno (in realtà dalle loro ricche Fondazioni) costituiscono un bell’esempio dello stile legislativo dei nostri tempi: spazio alla fantasia, anche quando la materia richiederebbe rigore scientifico ed esperienza. Riforme spettacolo possono definirsi, fatte o anche solo proposte per “far vedere che ci sono” e poi, magari, qualcosa, sventuratamente, sarà approvato; e loro saranno i “padri della riforma”. Come al solito mi occupo della parte penale del progetto. Anche se debbo dire che la prospettata riforma del processo civile desta parecchie preoccupazioni. Basti pensare che le decisioni in materia di famiglia (a quale dei ... continua



commenti



I politici hanno un concetto di problemi giudiziari molto distante da quello del cittadino comune; parlano di un'altra giustizia. Al cittadino medio non interessa limitare le intercettazioni, dato che non ha nulla da nascondere e nessuno ha interesse ad ascoltarlo. Gli interessa poco che l'arresto sia deciso da uno o tre giudici, dato che difficilmente sarà soggetto a misure cautelari; magari pensa invece che si possa arrestare più velocemente qualche delinquente. Gli interessa invece che la giustizia sia più veloce, che i processi si facciano ed abbiano un termine, per non svenarsi in avvocati e indagini private. Pensa, come propone Di Pietro, che la giustizia possa finanziarsi anche sbloccando i beni confiscati ai delinquenti o recuperati attraverso i risarcimenti. Forse, come insinua Vauro in una sua vignetta, i problemi della giustizia sono due: processi troppo lunghi e imputati troppo corti.
www.idearec.com


la giustizia è in una situazione talmente paludosa che mai potrà essere riformata in meglio.
sembra una fesseria, ma la soluzione è arrivare a meno processi attraverso depenalizzazioni massicce (pagamento di sanzioni elevate e niente processo) e attraverso un disicentivo al ricorso al Giudicde civile; l'udienza preliminare dovrebbe esser prevista anche nel giudizio civile; il giudice letti i due atti introduttivi, decide se la causa merita attività ulteriore o è manifestamente infondata/irrisoria/dilatoria ecc. ecc.
Un saluto



Sono parzialmente d'accordo.L'abolizione dei piccoli tribunali è difficile ,ma questo potrebbe essere un modo per arrivarci;non credo invece che nessuno si straccerebbe le vesti per l'abolizione dell'udienza preliminare che così com'è non serve assolutamente a nulla,perchè,a differenza di quanto succedeva con il vecchio Giudice istruttore il GIP non vuole o non può filtrare nulla o quasi;è solo una perdita di tempo,anmche per gli avvocati.


Gentile Dott. Tinti,

ho appena letto il suo post odierno. Leggo i suoi post appena posso, lo faccio sempre dopo aver letto il suo libro "Toghe Rotte".
Non entro in merito alla vicenda trattata oggi, bensì le scrivo per ringraziarla, nel caso ce ne fosse bisogno( ed io ritengo di sì) per questo blog che io trovo preziosissimo, non solo per le idee ed opinioni che esprime, bensì perchè spiega agli ignoranti come me cose di cui altrimenti rimarrebero all'oscuro. E' appunto spiegando ed 'insegnandoci' che lei aiuta la prevenzione della messa in quel posto ai cittadini.

grazie, spero di leggere nuovi post suoi molto presto e molto più spesso.
Arrivederci.



"Non c’è alcuno scontro tra politica e magistratura. Al contrario, esse sono alleate nell’opera di eliminazione – ieri con il tritolo, oggi con le carte bollate, e truccate – dei magistrati che fanno il proprio dovere, e in modo particolare di quei magistrati che fanno il proprio dovere nei confronti di altri magistrati, spezzando così un corporativismo omertoso ormai oltre ogni soglia di sopportabilità."
E’ tutto chiaro, ma così chiaro, che non serve sprecare parole, ma agire. Ciò che è accaduto ha fatto saltare, ancora una volta, ancora di più, le regole alla base di ogni patto tra governati e governanti.
Questa decisione del Csm sui pm di Salerno è la dimostrazione che si può fare tutto. Anche piombare nelle nostre e vostre case, per esempio, e arrestarci, arrestarvi, in nome della legge e in nome del popolo italiano. E allora, democraticamente e pacificamente, occorre agire. Tutti i blogger, tutti i siti web, noti e meno noti, tutte le associazioni e tutte le persone di buona volontà, note e meno note, che stanno fuori ma anche dentro ai partiti dovrebbero organizzarsi e far sentire la propria voce.Se l’Italia non sarà capace di questo gesto minimo di ribellione democratica, allora vuol dire che l’Italia è un Paese già morto e non lo sa." C.Vulpio 20 gennaio 2009
-------------
Il 28 gennaio a Roma l'associazione Nazionale vittime della mafia organizza una manifestazione a sostegno della proc di Salerno -http://www.familiarivittimedimafia.com/

http://www.carlovulpio.it/Lists/PRIMO%20PIANO/DispForm.aspx?ID=14&Source=http%3A%2F%2Fwww.carlovulpi


# 6    commento di   Tommy Alva - utente certificato  lasciato il 21/1/2009 alle 5:0

Io credo che essere informati, con regolarità metodo e chiarezza, su questioni giuridiche importanti o meno come fa il Dott. Tinti su questo blog, sia non solo importante ma fondamentale, aldilà dell'opinine del singolo, per creare coscienza e voglia di informazione.


La Riforma della Giustizia, senza la competenza tecnica dei veri esperti del Settore per una efficace ed efficiente funzionalità della Materia, mi richiama alla mente il "Facimmo ammuina" di memoria borbonica.


C'era stato osservato e studiato da sociologo-usa- il comportamento di gruppi etnici tti ricoverati in 1 ospedale di ney york per ernia al disco e lesioni alla colonna vertebrale-tti soffrivano dello stesso dolore e dimostrò che tre principali gruppi di fronte al dolore esibivano comportamenti diversi,ma ciscuno aveva un modo particulare di esprimere il dolore.Infatti gli ebrei si lamentavano dopo la fine dell'accesso al dolore ansiosi per le effetti secondari su la loro vita, non gradivano rimedi per alleviare il dolore.Gli italiani si lamentavano solo durante l'accesso del dolore accettavano con gioia farmaci per alleviare il dolore,il terso grippo sopportava il dolore senza preoccuparsi nn tanto del dolore in sè, quanto di ciò ke qsto poteva significare complessivamente,cioe del decorso generale della mallatia.di che etnia era il terso gruppo?



Un commento di risposta a quanto afferma Luis.... dici che l'udienza preliminare è solo una perdita di tempo anche per gli avvocati..... hai ragione.. ma oltre alla ovvia possibilità di richiedere somme maggiori al proprio assistito per la partecipazione a questa inutile udienza, è proprio per questo che gli avvocati protesteranno come mai al fine di impedire di togliere questa incombenza, inutile ai fini di giustizia ma utilissima ai fini del premio che il 95% degli indagati attendono: LA PRESCRIZIONE..... Un saluto e buon lavoro a tutti.


Mah, ai fini della prescrizione non è che cambierebbe molto;il problema della leungaggine processuale dipende molto dai ruoli dibattimentali dei tribunali,tanto è vero che ci sono lungaggini anche nei processi a citazione diretta quelli che saltano,cioè,l'udienza preliminare.Il vero problema del nostro ordinamento ,secondo me,è rappresentato dal fatto che un sistema accusatorio,con il tipo di dibattimento che comporta ,molto più lungo e dispendioso,può reggere al massimo il 4/5% dei processi come avviene in tutto il mondo;il resto va definito con riti alternativi ( o con l'azione penale facoltativa ,cui però io sono contrario).Altrimenti va tutto a pallino...


Grazie per i post sempre estremamente interessanti e grazie anche a chi commenta.


si tratta di un'oligarchia. Sotto le mentite, ipocrite spoglie di dialettica democratica. Un'opposizione in Italia non c'è mai esistita. Si tratta dell'eterna palude di centro.

cordiali saluti
Irene



Complimenti per la sua usuale chiarezza nell'esporre problemi complessi rendendoli comprensibili anche ai non addeti ai lavori. Da quanto scrive mi pare evidente che esiste un CHIARO INTENTO da parte della gran parte della politica italiana (FORSE NON TUTTA???)di mandare in tilt l'apparato giudiziario italiano, ma esiste in questo paese qualcuno in grado di raccogliere proposte serie, magari di addetti al settore al di sopra di ogni sospetto (ad esempio Caselli e perchè no lei stesso), per una VERA RIFORMA ORGANICA DELLA GIUSTIZIA, FUNZIONALE,CON OBBIETTIVI MISURABILI E TEMPI CERTI che possa essere consegnata ai pochi galantuomini rimasti in parlamento??? Le sarei grato se potesse rispondere al quesito, grazie.


Si infatti nel suo secondo intervento concordo pienamente con luis: anche i procediemnti con citazione diretta hanno fissazione udienza molto dilazionata nel tempo per i ruoli ingorgati dei Tribunali..... comunque attendiamo e stiamo a vedere quale coniglio tireranno fuori dal cilindro questa volta... circolano voci allucinanti... spero siano solo voci... chi vivrà vedrà si diceva un tempo.... Buon lavoro a tutti.


Scusate l'OT ,mi rivolgo al dottor Tinti e ai bloggers e a tutti i suoi colleghi che conosce , avrà incontrato e incontra..la prego e la supplico di mettersi in contatto con piu giudici,p.m.,cancellieri,assistenti e anche avvocati, giuristi,prof..cerchiamo di esserci vicini..venite il 28 gennaio a roma , aderite come civili al comitato promotore,oppure partecipate da ogni procura o tribunale,nin continuiamo ancora x anni e decenni lo stato svuotato cioè il suo popolo e le sue istituzioni..poniamo fine democratica,facciamoci presenti,mettiamoli di fronte al fiume umano mai visto nelle pagine della nostra repubblica..la pulizia di questo paesaggio inquinato,abolire il segreto di Stato,riunire tutte le Commissioni parlamentari (Mafia, P2, Terrorismo) in una Commissione del Perdono dal caso Mattei al Terrorismo,dalle Stragi alla Mafia,dalle mafie alle P2.. come in Sudafrica, perché la confessione dei delitti almeno implichi per le vittime e per tutti gli italiani l’acquisizione del bene prezioso della verità politica, per rifondare su questa la pratica politica di un futuro civile.
" "Giustizia per i magistrati e democrazia per il popolo italiano". 28 GENNAIO ROMA ORE 9.oo
"Il CSM punisce i magistrati di Salerno, rei d'aver proseguito le indagini del PM Luigi De Magistris, ed i cittadini s'indignano, si organizzano e scendono in piazza". Cosi in una nota il comitato promotore della manifestazione "Giustizia per i magistrati e democrazia per il popolo italiano", in sostegno del Procuratore di Salerno, Luigi Apicella. Il comitato promotore della manifestazione, formato da singoli cittadini tra cui Sonia Alfano, Benny Calasanzio, Salvatore Borsellino, Chicco Alfano, Serenetta Monti, Francesco Saverio Alessio, Daniele Vignandel, Stefano Cucinelli, Guido De Gennaro, Stefano Franco, Massiiliano Mostardi, Emiliano Morrone, Gabriella Bonino, Valerio Petrucci, cui ha aderito anche l' Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia, ha incassato l'adesione di Marco Trava



mercoledì 21 gennaio 2009
Lettera aperta ai colleghi
di Vincenzo Montemurro
(Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno)

Cari amici di “Uguale per Tutti”, cari colleghi magistrati (spero siate tanti) e, soprattutto, cari cittadini (voi siete sicuramente numerosi),

innanzitutto desidero ringraziarvi per l’attenzione e la considerazione che in queste ore dedicate al documento redatto dai 25 magistrati della Procura di Salerno, alla quale peraltro mi onoro di appartenere se non altro per avermi consentito, ieri sera, di essere parte integrante e viva di un Ufficio UNITO ed UNITARIO in una situazione oggettivamente difficile e drammatica dal punto di vista umano e professionale (la staordinarietà e la forza dell’evento è confermata dalle mie precedenti esperienze professionali in altre sedi e merita le più ampie adesioni formali da parte di tutti i magistrati onesti).

Il momento istituzionale che vive la magistratura italiana è assolutamente sconcertante, ed implica da parte di tutti noi la consapevolezza che i principi fondamentali della indipendenza del magistrato e del primato della giurisdizione sono quotidianamente lesi e concretamente in pericolo: è necessario un risveglio delle nostre coscienze di magistrati e di cittadini, è necessario riaffermare con la stessa forza i nostri diritti e i nostri doveri (soprattutto morali e di onestà intellettuale, quindi discutere della questione morale all’interno della magistratura), è necessario e fondamentale ritrovarci uniti tra quanti condividiamo le preoccupazioni ed i principi espressi nel documento della Procura di Salerno.

Lo dobbiamo non solo ai nostri colleghi Apicella, Verasani e Nuzzi (ai quali penso con tristezza ed affetto mentre vi scrivo e che oggi non devono essere lasciati soli come in passato lo sono stati tanti magistrati che hanno inteso, molto semplicemente, perseguire l’obbligatorietà dell’azione penale nei confronti, ugualmente, di tutti) m

http://toghe.blogspot.com/2009/01/lettera-aperta-ai-colleghi.html


# 17    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/1/2009 alle 23:7


Lo dobbiamo non solo ai nostri colleghi Apicella, Verasani e Nuzzi (ai quali penso con tristezza ed affetto mentre vi scrivo e che oggi non devono essere lasciati soli come in passato lo sono stati tanti magistrati che hanno inteso, molto semplicemente, perseguire l’obbligatorietà dell’azione penale nei confronti, ugualmente, di tutti) ma a noi stessi, perchè quello che si è verificato nei loro confronti domani – è purtroppo una certezza – si verificherà puntualmente nei confronti di tutti quelli che non presteranno ossequio istituzionale al potente di turno.

Lo dobbiamo, e non è retorica, ai nostri figli, se vorremo continuare a guardarli negli occhi senza la paura che la loro innocenza scorga nei nostri viltà.

http://toghe.blogspot.com/2009/01/lettera-aperta-ai-colleghi.html


opposizione? l'unica opposizione decente è quella di idv, il resto è casta infame... :(


# 19    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 22/1/2009 alle 10:14

Scusate ma devo rilasciare di nuovo il mio appello ,vorrei raggiungere prima di tutto la persona, ancorchè l'ex magistrato Tinti e attraverso lui arrivare alla persona nonchè exmagistrato Gherardo Colombo,ma anche Casson e altri e tutti quelli che potete contattare..cancellieri compresi e anche avvocati,anzi soprattutto anche avvocati,xke credo ce ne siano coscienti e competenti come Massanzana,non comprati da una parte x leggi,decreti,lodi,riforme ad personas..chissa se qualcuno leggendomi potrà giungere come un messaggio dentro una bottiglia,tutte le persone "civili",magistrati e non, rimaste in questo paese,solitarie e socievoli,come spero sia io ..vorrei parlare loro dicendo che quando si è permeati di quei contenuti valoriali indispensabili per muoversi continuamente dentro se stessi verso la ricerca di cio' che dà e fa verità,questo flusso/processo,non può più abbandonarti, ancorchè tu abbia mai bisogno nella vita,per tuo errore o per tua innocenza,di rivolgerti (o essere chiamato a rispondere di te)..a chi per un pezzo della tua vita dovrà dare ufficiale e motivata "verità";

Nel flusso normale di una vita come la mia,alla ricerca giorno su giorno della conoscenza di se stessa e degli altri,in un'indagine con un senso infinito,anche se limitato dai miei stessi limiti connaturali a ogni essere umano,è solo la mia autonomia e indipendenza,garanzie di libertà fissata nei contenuti per non diventare abuso della stessa a discapito delle altre,che mi può portare ad accrescermi e non decrescere,ad essere vitale o creativa o costruttiva e non mortale,cioè svuotata degli strumenti che sviluppano la coscienza amplificandola a raggio di civiltà per rendermi un uomo migliore rispetto al giorno prima,responsabile di tutto ciò..per fare cio' non devo essere "associata" a nulla e nessuno,ciò non lo dico per fare riferimenti all'Anm per esempio, ma paradossalmente proprio per garantire la migliore corrispondenza fra quanto costruisco in me e la sua validità (corrispond

28 GENNAIO 2008 - ROMA


(corrispondenza riscontrabile=azione risultato) per il maggior "vantaggio" della collettività(e non solo un singolo o due o una cerchia apicale o privilegiata) in cui sono una parte come ogni altro singolo e non solo svolgendo un ruolo o essendo ridotta a numero "che non conta".
Sono un cane sciolto,da quando sono in vita,50 anni,lo sono e sono fiera di essere così consapevole di tanti miei errori e limiti perchè solo quella condizione che via via ho sofferto a prezzo di tanta solitudine e indifferenza/ disprezzo "degli altri" ,mi ha fatto amarli di più,come io "devo" a me stessa ma..

ma ho sempre partecipato dall'epoca in cui occorreva forte una "commissione del per..dono", dalla radice metafora della palma alla sciascia ..da mattei a pasolini o pecorelli,dalle stragi alla mafia le bande il terrorismo e la p2, andando da sola a ogni dissenso espresso dal comitato milanese per la legalità sotto il tribunale o al palavobis..vi ho sempre sostenuto dentro me, forse mi è stato facile xkè non ho mai avuto una di quelle lunghe cause,pretesto per cui ai miei fratelli italiani adddormentati e ridotti a italiano medio, hanno spacciato che la giustizia non funziona per farla funzionare( o non funzionare) meglio solo doveva dicevano i governanti traditori di stato?
Non lo sò, ma dentro me non vi ho mai abbandonato, vi ho sempre seguito,responsabile al posto di chi non lo è stato,non è Stato nè cittadino,e continua sempre più a non esserlo..ho sempre immaginato che al vostro interno c'erano delle forze luminose e dell altre oscuranti..è un male cronico di tante istituzioni

Io supplico tutti i lupi solitari pasolinanti come me,disperatamente pieni di speranza,che in Italia ci si possa dare al di là di ogni bandiera o associazione ( che se non ci fosse stata cosi pronta a promuovere la giornata del 28 gennaio a roma,come avremmo potuto organizzarci?!) o giro quadrato o tondo,una pagina responsabilmente "seria",ed anzi fornire al comitato promotore indicazioni

28 GENNAIO 2008 - ROMA


fornire al comitato promotore indicazioni precise in quanto magistrati ed ex magistrati in un peridodo delicato come questo, che tutto non abbia una sbavatura ( come alcune ad esempio di p.zza navona), concentrati sui temi,al limite in un silenzio tombale..
di parole ne sono state dette tante,vi immaginate se stessimo attorno alla corte di cassaz o al csm,tutti muti attorno attorno ai muri che chissa quante ne hanno sentite, per ore..al massimo con un suono ritmato come il cuore di piccoli tamburi?

Vi prego quindi di accogliere la mia supplica,una preghiera smisurata come direbbe il faber,una goccia di splendore prima di morire viste tante persone morte per farci vivere,giudici,guerra di migliaia di morti per mafie e crimini di stato deviato ed ora di sterminio di cio' che fa grande un popolo,la sua sana costituzione..

non possiamo essere ridotti a un corpo come quello di Eluana,in agonia da 17 anni,che deve pu far finta di essere in vita con di-spacci di leggi "private" spacciate per pubbliche sul pretesto di una volontà espressa da una maggioranza del paese avvilita e svuotata dalla sua civiltà a botte di culi tette villaggi e outlet-

Lupo



Ciao Bruno,
sono Alessandro, ti scrivo da Portici (NA), ho 23 anni.... Ecco mi presento...xkè ti ho dato del tu...non so se riuscirai a rispondermi...ma aveva bisogno di scriverti...
Ho letto il tuo libro "Toghe rotte" tutto d'un fiato.....Ho avvertito un senso di sofferenza e imbarazzo...perchè ora so (ma già immaginavo)quante difficoltà, quanti impedimenti...ha la magistratura...e quanti politici dovrebbero andare a casa...che ho detto casa? volevo dire in carcere..vera casa loro!

Ti saluto con una frase del libro che mi ha colpito:"Perchè decisioni prese senza informazioni non sono decisioni, sono obbedienza"

Saluti

Alex



Ho aperto la TV ed ho sentito che è passato il federalismo fiscale.
Il capo del governo lo aveva promesso. Subito dopo natale faremo la riforma fiscale. Detto fatto.Mi vengono in mente alcune domande:
1)Tolte le festività quanti giorni ci hanno lavorato?
2) Chi ci ha lavorato?
Resto perplesso.Io e mia moglie sono due mesi che discutiamo sul dove fare il pollaio (abito in campagna)!.
Non pensavo fosse così facile fare il federalismo fiscale....pensavo,igenuamente che ci sarebbero voluti due anni di lavoro da parte di persone competenti e che questi avrebbero poi presentato al Parlamento 4,5 soluzioni e che il Parlamento avrebbe dovuto decidere quale adottare.Ma c'è un'altra cosa che mi lascia un dubbio.I lomabrdi gioioscono ed i lucani no. Strano, avrebbero dovuto gioire i lucani.hanno una dozzina di pozzi petroliferi e loro sono 4 gatti.C' qualche cosa che non torna. Una buona legge dovrebbe far piangere tutti non far gioire una parte.
Ed ora la riforma giudiziaria. Con questo governo così in gamba sarà un giochetto, qualche giorno o forse nove minuti e mezzo, il tempo cronometrato con orgoglio dal ministro dell'economia per congedare la finanziaria.Sembra di essere in un film. All'inizio del film c'è un problema e dopo 1 ora e mezzo essp è sempre felicemente risolto.Tanti problemi sono stati risolti in breve tempo. Ma io,che sono ottuso, nella mia quotidianità non noto nulla.












...infatti secondo me la riforma della giustizia la faranno in molto meno di 9 minuti.
Qualcuno porrà dei fogli su un tavolo e dirà:"Questa è la riforma della giustizia. Perchè lo dico io. E voi certamente la condividete perchè a questo tavolo, dopo avervi eletti, vi ci ho messo io. Altrimenti da domani tutti senza paga".
Ovviamente poi ci penseranno i media di ogni tipo a renderla bellissima agli occhi degli italiani. E tutti vissero felici e contenti....
Ricordo di aver visto un film anni fa.... The Truman Show... ora mi sembra tanto di esserci dentro dal vero. Un saluto a tutti i lettori del blog.



Non sono daccordo sulla critica fatta al sistema previsto della incompatibilità.
Le correzioni a quel sistema sono sempre ben accette ma mi sembra chiaro che chi giudica una prima volta il MERITO (e non robettine da da azzeccagarbugli) di un processo, sia pure in fasi processuali embrionali quali sono l'udienza preliminare o il riesame, debba stare fuori dal giudizio finale.
E ricordo che tale meccanismo non è sempre e soltanto operante quando il Giudice decide in udienza preliminare ma anche quando in sede di riesame decide di metter fuori qualcuno perche non ci sono i gravi indizi di colpevolezza del detenuto....
Altra questione è il triumvirato che decide sulle intercettazioni....sul quale posso soltanto dire che chi decide certe robe non è mai entrato in un'aula di tribunale e non conosce le quotidiane difficoltà in cui si opera!! E' incredibile!
Se scoppiano degli scandali per intercettazioni pubblicate illegittimamente (e basta co 'sta Falchi!! chi la conosce!) si colpisca quel problema, non il mezzo di reperimento delle fonti probatorie!! Che mondo è questo????????
E infine: il vero problema, quello della lunghezza dei processi, prima civili e poi penali, COME SI RISOLVE??
Il problema delle aule dei tribunali, le cancellerie ubicate in topaie, i giudici e gl avvocati alle prese coi safari tour, in meridione come in settentrione...COME SI RISOLVONO?
Il processo elettronico, quello civile, dov'è?
Le notifiche via email,almeno in civile, dove sono?
Il numero esiguo dei magistrati GIUDICANTI e anche requirenti quando lo si rimpingua?
Che riforma è una riforma che si occupa soltanto dei problemi della Falchi?
Ah no? non era la Falchi? E chi allora.................??



letto con attenzione : commento a CHIARE LETTERE
per l'affidamento dei figli nelle separazioni nessun problema : DEVONO essere affidati ad entrambi i genitori; per i casi eccezionali, ricorrendone i presupposti, si fa reclamo
par chiaro che sia sufficiente un solo Giudice
del resto, in via di fatto, è sempre stato così se ne occupa il giudice estensore
per il penale il P.M. deve essere un organismo politico di nomina elettiva e chiaramente distinto dalla Magistratura
i reati come diffamazione (l'offesa è strutturalmente una percezione soggettiva)ingiuria e tantissimi altri devono essere depenalizzati e prevedersi il solo risarcimento in sede civile
l'azione penale potrebbe, allora, restare obbligatoria ma non è problema così esagerato che non lo sia
nessun vero problema nemmeno le intercettazioni se non interpretate in modo distorto; l'udienza preliminare abolìta la posizione del GIP, solitamente, è appiattita sulle richieste del P.M. per mancanza di tempo o altro ma così accade
i magistrati, COME TUTTI, rispondano del loro operato e dei loro errori sopratutto nonchè dei tempi del loro lavoro
per il settore civile poi: motivazioni brevi ma dirette ed efficaci; notifiche semplificate via fax e via mail; rito del lavoro generalizzato; consulenti tecnici preparati; computer per i verbali d'udienza con collaborazione degli avvocati per la stesura; processo telematico; firma digitale, APERTURA POMERIDIANA DEI TRBUNALI TUTTI!!!



X Marcello e Rosa. Piuttosto che porsi e porre le stesse domande ipotizzando soluzioni immediate senza alcuna risposta, nonché richieste e proposte per snellire procedure e così accellerare i tempi interminabili di processi (spesso inutili, non solo quelli indultati, o di scarsa rilevanza che presi alla leggiera e trascurati finiscono poi seriamente in appello per intasare e costare anche molto), sarebbe pù utile raccontare fatti quotidiani (come ama fare il dr Tinti anche se il dr Saracino l'invita a mollare il ruolo di "Cantastorie") che dimostrano tutt'altro. Per esempio che manca lo spazio per i faldoni e l'aria per aule anguste: la più piccola - quella che io ben conosco da un anno esatto, per 4 udienze fantasma laddove un got finalmente ha usato il 631 cpc per chiudere ed estinguere la "causa" visto che la parte attorea è risultata sempre assente "come me"... sempre presente però - è dotata di 2 enormi porte finestre, e siamo a 600 m di quota; la più grande ha 8 infissi a vetro (tranne quello chiuso per la gabbia) ben arredata,...c'era persino la stenotipia, per trascrivere una trentina di fogli in "bianco" che a quanto pare ci si imbarazza a mandare (il fascicolo del "processino"...che sta crescendo, siamo solo a 5 anni...nonostante abbia saltato gip e gup!) in Corte d' Appello, visto che il resto, con la sentenza di una facciata, è stato spedito ed è tra i faldoni del nuovo cancelliere: "Non mi faccia troppe domande...ho tanto da lavorare...io sono solo un 'facchino'...(mentre negli uffici di contabilità, con luci e pc accesi, non c'era nessuno) appena mi arriva il resto della pratica il tutto verrà esaminato da 3 consiglieri (che devono sindacare sul collega monocratico?...dopo aver "svenduta", come disse un magistrato circa 10 anni fa, l' "argenteria di famiglia": il collegio a 3 che ora s'ìnvoca al posto del Gip/Gup, per i soli potenti?) e poi le faremo sapere...". E la sentenza di 1° grado è "datata"...15 ottobre 2007.



Egr. dott. TINTI, è da una settimana che con cadenza giornaliera mi reco in libreria per chiedere se è in vendita il suo nuovo libro.La risposta è sempre la stessa:"stiamo aspettando".
Mi rivolgo direttamente a lei, per evitare di continuare ad essere petulante con la commessa della libreria e magari, invertire il trend negativo, facendoci anche una bella impressione.
Se lo immagina, appena mi vede entrare, e prima ancora che glielo chieda pensando di anticiparmi:"spiacente, ma non è ancora uscito", ed io: "si lo so esce il giorno .../.../.."
Che figurone, quanti crediti accumulati, (compensati con quelli persi), forse non spendibili in nessun'altra libreria ma sufficienti, spero, a farle capire "che fare", ovvero, che non fare.
Con stima Giuseppe



Predno spunto da una notizia di cronaca:Il violentatore "pizzicato" confessa e....viene rilasciato.Nei polizieschi si legge che la confessione è la regina delle prove anche perchè gli inquirenti non sono tanto scemi da credere ciecamente alla confessione (mitomane?) ma vanno subito a caccia di riscontri concreti. Mi chiedo allora
1) Perchè rilasciarlo. E' reo confesso.
2) Perchè non inserire nel codice il processo immediato?
In fin dei conti si tratta di
a)convincere il giudice con la confessione e con i riscontri della colpevolezza
b)stabilire la pena....






commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti