Commenti

commenti su chiarelettere

post: Per un’informazione libera

Nelle settimane scorse si è parlato del caso Barnard , valoroso giornalista, autore di Perché ci odiano e curatore del volume Dall’altra parte , entrambi pubblicati dalla Bur. Paolo Barnard è stato portato in tribunale per la puntata di Report Little Pharma & Big Pharma dell’11/10/2001, poi ripetuta il 15 /02/ 2003. Per quell’inchiesta la RAI e la Gabanelli sono stati citati in giudizio. La trasmissione Report, proprio per il coraggio dei suoi giornalisti e di Milena Gabanelli, più volte è stata attaccata e portata in tribunale. Dispiace che ora Barnard e Gabanelli si trovino su fronti contrapposti (Barnard sostiene che è stato lasciato solo, Gabanelli si dice disposta a tirar fuori lei i soldi, in caso la Rai si rivalesse sul giornalista) perché in realtà lavorano ... continua



commenti





Spero con tutto il cuore che la cosa si chiarisca perche'una trasmissione seria come REPORT non puo'perdere la faccia in questo modo!!In quanto telespettatrice vorrei velocemente dei chiarimenti .Grazie


qui il problema non è solo il caso di paolo barnard o di un singolo. La cosa grave è che i giornalisti - quelli piu liberi, meno incasellabili, meno asserviti al potere - devono firmare preventivamente una "liberatoria" che solleva il datore di lavoro da posisbili cause. Come appunto è successo nello specifico a Barnard.

E' questo il problema di Report. Non denuncia pubblicamente questa stortura di abbandono che i giornalisti sono costretti a subire per lavorare. E, nei fatti, i più per non lavorare.

Non è solo una questione di soldi. E' una questione di rispetto.
quanti Barnard ci sono che non hanno la forza (o l'umana disperazione) di denunciare questo?
paolo



servirebbe una auto-puntata du report su questa questione...





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti