Commenti

commenti su chiarelettere

post: Perché la giustizia in Italia non funziona?

Questa sera a Milano , presso la Camera del Lavoro in Corso di Porta Vittoria 43, si terrà un dibattito sulla giustizia italiana che - viste le notizie degli ultimissimi giorni - si preannuncia acceso. All'iniziativa - organizzata in occasione della pubblicazione del libro Toghe rotte * -  saranno presenti Gherardo Colombo , Raffaele della Valle , Peter Gomez e Marco Travaglio . Il dibattito, che avrà inizio alle ore 20.30 , sarà trasmesso in diretta su Telelombardia durante il programma Iceberg , condotto da David Parenzo. Vi aspettiamo. Scarica il programma * Toghe rotte , a cura di Bruno Tinti (Ed. Chiarelettere) continua



commenti



Raffaele Della Valle? Ma chi ? L'avvocato forzista??? Me lo ricordo come se fosse ieri a fare il giro delle trasmissioni televisive perorando la magnificenza dello psiconano.. Mah!


Forse uscirò fuori tema e mi scuso già da ora, ma vorrei dire qualcosa sulla giustizia e Tribunale dei Minori:
Considerazioni tristi sulla giustizia italiana. Tutti sono stati testimoni della sarabanda di notizie, indiscrezioni,interviste televisive e tutto quanto di più quando alcuni magistrati sono stati toccati in merito ad inchieste politiche. Pro e contro, ma sostanzialmente una difesa della indipendenza ed intoccabilità della magistratura. Quanto silenzio invece ora sulle omissioni ed errori nel caso dei bambini di Gravina di Puglia. Non responsabilità soprattutto quando vi sono coinvolti i minori, che sembrano essere cittadini di seconda categoria. Mi riferisco ai due bambini di Gravina di Puglia,la cui morte sembra essere stata provocata dal padre. Padre conosciuto come un violento, di cui i bambini avevano paura e che era stato già denunciato dalla madre dei piccoli e, da sua figlia per molestie sessuali. Ma il Tribunale non può credere ad una donna semplice, magari poco colta, che aveva il solo torto di cercare di difendere i figli. Non può credere ad una figlia che denuncia il padre. Quale è stato il criterio con cui i bambini sono stati affidati al padre? Perchè non si tiene conto del parere dei piccoli, non li si ascolta? Evidentemente i presidenti dei Tribunali non hanno mai avuto figli, o non li hanno mai ascoltati, forse troppo impegnati nella loro professione per capire, conoscere ed apprezzare i ragionamenti dei bambini, magari figli loro. Mi domando,ma questi giudici non provano mai imbarazzo per le loro scelte quando emerge una palese violazione del buon senso e della giustizia? Se non ricordo male era stato votato un referendum sulla responsabilità dei giudici:perchè sono i soli a non dover mai rendere conto del proprio operato, se non all’interno del loro sistema? Chi tutela i bambini dagli errori del Tribunale dei minori? Chi tutela i minori dalla debolezza psichica indotta del genitore non affidatario? Chi si prende carico del controllo de



Continua:
Chi si prende carico del controllo della situazione minorile dopo la separazione dei genitori? Chi segue psicologicamente la famiglia prima che arrivi alla separazione? Conosco, per esperienza personale, questo Tribunale che ha emesso il decreto sui bambini di Gravina. Anni fa, hanno fatto delle cose veramente assurde, su una bambina avuta da me in affido e poi tolta. Nel 1998/99 (non ricordo di preciso l’anno), ha emesso un decreto, dove 3 fratellini, in provincia di Foggia, da molti anni lasciati in Istituto di suore, dall’oggi al domani, dietro segnalazioni dell’assistente sociale, emettono un decreto, dove questi fratellini devono tornare dalla mamma a Milano. Risultato? dopo circa 3 mesi, non ricordo bene, sono passati tanti anni, il più piccolo scappa e lo ritrova sulla Tangenziale di Milano la polstrada, incuriositi da questo piccolo, da solo e con lo zaino addosso che scappava via dalla mamma, per andar da quella che lui considerava la SUA vera mamma: “la SUORA”. Risultato? E’ tornato dalle suore con suo fratello maggiore, e mi risulta, ma non ne sono sicura, che siano ancora lì. Dov’erano gli assistenti sociali quando non si accorsero di quella mamma, sempre in Puglia, che, colta da follia, lasciava che sua figlia, di soli nove mesi, morisse per deperimento? Nemmeno l’aveva fatta vaccinare. Gli assistenti avevano bussato alla porta di casa, la donna non apriva quindi se ne andavano convinti che le loro responsabilità non andassero oltre al tentativo di visita. E’ ora, penso, che si inizi veramente a far luce su questo Tribunale e su questi assistenti sociali che dovrebbero essere denunciati per omissioni di atto di ufficio, ma che riescono sempre ad affossare tutto, grazie, penso, a giudici che non vanno a fondo di nulla. Questi bambini, sono solo carte per loro. Rimango a disposizione di chi volesse contattarmi.
Grazie e con molta amarezza …
Una mamma affidataria






commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti