Commenti

commenti su chiarelettere

post: Scandali politici e disastri finanziari: il Capitalismo di rapina

IN LIBRERIA DALL'11 OTTOBRE Leggi l'articolo: Capitalismo oscuro. Dietro ai grandi scandali non c'è un Genio del Male di Marco Onado, Il Sole 24 Ore Le manovre intorno a Telecom Italia , il crack della Parmalat di Tanzi , la resistibile ascesa dei furbetti Fiorani, Ricucci e Coppola e non solo: il libro racconta la storia sotterranea del capitalismo di rapina. I percorsi occulti del denaro, un sottobosco mai illuminato dagli articoli dei giornali, che troppo spesso non vanno oltre i semplici verbali d’interrogatorio o le intercettazioni telefoniche. Gli autori seguono le tracce dei soldi , entità resa ormai sempre più astratta, tra conti bancari e giochi di sponda in Borsa, fino ad alzare il velo sulle complicità ad altissimo livello nelle grandi banche, nelle ... continua



commenti



Ho appreso stamane l'uscita del libro e l'ho immediatamente prenotato. Domani lo leggerò con avidità.
Ho conosciuto il fiorani nel '92 ed ho avuto la sfortuna di lavorare alla poplodi per 4 anni, conoscendo da vicino i metodi di stampo mafioso coordinati da angelo mazza, per fortuna dei risparmiatori deceduto 10 anni fa, e poi perfezionati dal suo "delfino"
In tempi non sospetti(periodo Banca Mercantile) previdi una fine rumorosa per il fiorani, e credo d'esser stato un buon profeta.
C'è voluto un po', ma la soddisfazione è stata grande.
Mi auguro si pervenga in breve tempo alla giusta condanna del ragioniere di Codogno, impedendogli di nuocere in futuro nonchè di prodursi in odiose esibizioni, anche se il cabaret di bassa lega sarebbe stato senz'altro la professione adatta a lui.
Complimenti per la vostra inchiesta.



Qualcuno sa dirmi quando si potrà trovare " Toghe rotte " nelle librerie?

grazie!



per fazer: è già disponibile da tempo e costa 12 €


abbiamo creato un forum sulla musica highwaytorock.forumfree.net venite numerosi





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti