.
Annunci online

abbonamento
commenti


Quarantacinque giorni fa, circa, è uscito “Adesso Basta”. Speranze ce n’erano, ottimismo anche (quello c’è sempre). Ma nessuno poteva prevedere tutto questo. Raffica di interviste (in alcuni giorni ne ho fatte dieci in un colpo solo), migliaia di email e post su un numero incalcolabile di siti e social network, la prima edizione scomparsa in 4 giorni, poi la seconda, la terza, ora la quarta. Presentazioni una dietro l’altra, ogni giorno una città, non solo in Italia. E la gente, la gente fisica, quella con corpo, faccia e speranze… strette di mano, incoraggiamenti (a Verona una ragazza: “Grazie perché alzi la voce. Vai avanti così!”). Pochi giorni fa, alla stazione di Torino, due ragazzi che mi fermano e mi dicono “Tu sei quello di Adesso Basta! Grandissimo! Il tuo libro è una boccata d’ossigeno!” Insomma…

Mi chiedono “Sei contento?” e come potrei non esserlo. In pochi immaginano quanto duro sia tutto questo. Non faccio più nulla che non sia “Adesso Basta”, non sto mai a casa, passo le notti a rispondere alle email… Veramente estenuante. Ma potrei non rispondere a tanta gente, gente per bene, bella gente, che mi scrive cose vere, concrete, della propria vita, dei propri sogni? A volte mi chiedono cose alle quali non ho alcuna idea di come dar seguito. Mi chiedono di fondare un partito (???) mi coinvolgono in cause sociali, cose che neppure conosco…

Io ero e resto un uomo di mare, uno scrittore di romanzi. Le mie idee, i miei sogni, erano e restano focalizzati su questo. Sarebbe imperdonabile perdersi adesso, perdere ora la rotta, dimenticare di lanciare l’occhio alla bussola, regolarmente, come quando si naviga in altura. La lezione l’ho imparata a memoria, l’ho mandata giù con tanti sorsi di vita, nel tempo, e fa parte di me. Qualunque cosa accada, come in mare, si tiene la barra al centro, non si cambia. Questa per molti è una storia collettiva, una storia comune, ma per me è la mia vita. Libertà e autonomia, sogno che si realizza. Da questo non mi distolgo. Tornerà il silenzio e si procederà in quella direzione. Ora, naturalmente, non può che esserci una pausa, non posso che distogliermi temporaneamente dalla mia rotta. Ma per una buona causa, per un libro che va bene, che mi aiuterà molto, e per la gente, tanta gente come me che scopre di non essere sola, di essere in sintonia con tanti altri. Straordinario. Buon viaggio. A me e a tutti.

Simone Perotti




Lunedì 23 Novembre 2009 ore 21
(Inaugurazione del Caffè della Storia)
Presentazione del libro I NUOVI MOSTRI di Oliviero Beha



Mercoledì 25 Novembre ore 21
Proiezione - Dibattito sul DVD & libro IL SOL DELL’AVVENIRE.
Il film rivelazione sulla nascita delle Brigate Rosse
Un documentario di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone - Regia di Gianfranco Pannone
 
L’Associazione Il Tempo La Storia, costituita a Roma nel 2007 con l’apposita missione di promuovere la diffusione della cultura storica - dopo il successo delle prime edizioni della “Settimana della Storia” – è attualmente impegnata nell’organizzazione e nella promozione delle “Giornate della Storia”, un nuovo suggestivo evento culturale che sarà realizzato, come di consueto, col sostegno organizzativo della Regione Lazio, della Provincia di Roma e con la collaborazione di Rai Educational e dell’Istituto Luce.

Il programma dell’Evento comprende una serie di 10 “Lezioni” - tutte ad ingresso libero - che, secondo lo schema proposto dalle scorse edizioni della “Settimana della Storia”, alcuni dei più importanti storici italiani terranno nell’arco di una settimana (dal 23 al 28 novembre 2009).

Dopo le edizioni del 2007 (sul rapporto tra storia e politica nel Novecento italiano) e del 2008 (sull’irruzione dei giovani nel Novecento europeo), quella del 2009 si soffermerà sui momenti cruciali della storia italiana che, dalla fine dell’Ottocento ad oggi, hanno visto l’Italia affrontare i momenti di “crisi” - economici, sociali, istituzionali - rivelando, in ogni circostanza, le proprie straordinarie potenzialità di rivincita e di riscatto del nostro Paese.

Quest’anno, inoltre, alla fine di ogni Giornata della Storia, torna  il “Caffè della Storia” la rassegna che nell’edizione 2007 aveva visto la partecipazione, tra gli altri, di Carlo Lizzani, Corrado Augias, Bruno Vespa, Daniele Protti, Dario Salvatori e Achille Bonito Oliva. 




In libreria dal 12 novembre 2009
di Emanuela Provera
Chiarelettere, Collana Reverse, pp. 230, euro 14
La scheda del libro 

Come vivono i numerari. La caccia alle vocazioni. I documenti “non ufficiali” occultati alla Chiesa.
Il violento distacco dalla famiglia. La manipolazione delle coscienze. L’espropriazione dei beni. Il lavoro non retribuito.
Questo libro nasce da un forum on-line privato e non accessibile. Qui per più di un anno si sono “incontrati” gli ex numerari italiani.
Uomini e donne con grande sensibilità religiosa, in passato rapiti dalla “missione”: fare l’Opus Dei nel mondo.
Storie italiane, da Milano a Palermo, da Roma a Bari. Raccontano di un nuovo integralismo che attraversa la nostra società: asili nido, centri sportivi, scuole, residenze universitarie… Tutto “bellissimo” e organizzato grazie alla potenza finanziaria dell’Opera.
Piogge di fondi, anche dallo Stato. Così funziona la milizia di Dio voluta da Josemaría Escrivá De Balaguer.

Sommario
Una chiesa parallela
Il codice dell’Opera. Come è fatta l’organizzazione.
Imposizioni quotidiane, attacchi psicologici, vincoli e divieti
La caccia
Le strategie del proselitismo. Cosa dice Dell’Utri. Le baby vocazioni
I canali di reclutamento
Asili e scuole private, club, residenze universitarie, centri culturali: la rete dell’Opus Dei in Italia
La testimonianza di Saverio e la giornata-tipo di Elena
Saverio, oggi dirigente nel settore finanza, ricostruisce la sua storia nell’Opera.
Elena, nell’Opus Dei per quasi vent’anni, racconta una sua giornata da numeraria
Lo spirito dell’Opus Dei
Piano inclinato, note ascetiche, esame di coscienza...
Tutto quello che da fuori non si vede
La famiglia, «nemica della vocazione»
Le tante storie familiari drammatiche raccontate dai protagonisti. La «santa furbizia» raccomandata dai direttori
Denaro e proprietà
Fare testamento. Il patrimonio immobiliare. Fondi pubblici per i collegi universitari

APPENDICI
I documenti dell’Opus Dei a cura di Lucia Viviani
Le lettere (al cardinale Tarcisio Bertone; a papa Benedetto XVI) di Franca Rotonnelli De Gironimo

Emanuela Provera, cattolica, vive a Milano. Dal 1986 al 2000 numeraria dell’Opus Dei, ha collaborato con Ferruccio Pinotti al libro Opus Dei segreta (BUR-Rizzoli 2006), offrendo la sua testimonianza personale. È l’ispiratrice del forum on-line riservato da cui nasce questo libro. 

Presentazioni
Milano 17 novembre ore 18
C/o Fnac, via Torino / ang. via della Palla
Intervengono Ferruccio Pinotti e Franco Stefanoni
Bologna 19 novembre ore 18
C/o Libreria Coop Ambasciatori, Via Orefici
Interviene Aldo Balzanelli
Sanremo 9 dicembre ore 17
C/o Teatro delle Federazione operaia, via corradi 47
Interviene Claudio Porchia
Savona 10 dicembre ore 18
C/o Libreria Ubik, Corso Italia 11
Interviene Claudio Porchia


commenti

"Adesso Basta" ora è distribuito dovunque, finalmente. E subito scala la classifica. Pare molto in alto (avremo presto i dati ufficiali). Dunque "il disagio vende", osserva qualcuno. La gente è stanca e stufa, e compra un libro che dice come fare a mollare tutto.

Non condivido. Se così fosse rimarrebbero tutti delusi. Non è un libro come "E' facile smettere di fumare", al contrario. Ma dato che ormai molti l'hanno letto e continuano a consigliarlo, direi che questo rischio non c'è, come non c'era quell'errata illusione.

Secondo me è l'ottimismo che scala la classifica, che vende. E' la voglia di sognare e la voglia di rimettersi in moto. Siamo diventati deboli, un po' tutti, e siamo fermi da molto tempo. Troppo. Se un libro dice "stand up, muovere il culo please" molte persone lo vogliono leggere. Vogiono qualcosa che gli dica che si può. Che qualcuno dica "io mi sono messo in azione col sorriso e sono molto contento", in una società di gente che non fa che lamentarsi, è materia da Top Ten.



Gli autori di Chiarelettere partecipano all'XI edizione di Scrittorincittà
Cuneo, 12 - 13 - 14 - 15 novembre 2009
www.scrittorincitta.it

La satira luminosa

14 novembre - sabato ore 18, cinema Monviso
Autori presenti: Massimo Bucchi, Michele Serra, Sergio Staino, Vauro Senesi

Non c’è più niente da ridere, di questo possiamo essere sicuri. Eppure, per affrontare con tutta la lucidità necessaria questi anni di sconcertante cupezza, è indispensabile avere a disposizione le luci della migliore intelligenza satirica. Perché saper concentrare in una vignetta una micronarrazione da cui far emergere un pensiero e un sentimento, è risorsa di pochissimi. A raccontarci cosa significa fare satira in questa Italia crepuscolare, tre mostri sacri come Massimo Bucchi (Caro Mao perché sei morto, Marsilio 2009), Sergio Staino (Il mistero BonBon, Feltrinelli 2006) e Vauro Senesi (Italia Annozero, Chiarelettere 2009). A dialogare con loro Michele Serra, ovvero lo scrittore italiano che più di tutti sa che cosa vuol dire ridere – o sorridere – di disperazione.
Prezzo: € 3
   
Passione reporter   
14 novembre - sabato ore 19, Centro Incontri della Provincia - sala ragazzi
Autori presenti: Daniele Biacchessi

Ilaria Alpi, Miran Hrovatin, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Antonio Russo, Enzo Baldoni raccontano storie che stanno dietro gli orrori della guerra, anche se la frontiera che separa il conflitto dalla vita di tutti i giorni è sempre più sottile. Ma l’informazione si misura con deviazioni, divieti, tentativi di controllo, messi in campo dagli apparati militari, dalle agenzie di spionaggio degli Stati, dal potere politico. Daniele Biacchessi prosegue il suo percorso sulla memoria italiana e sul teatro civile con Passione reporter, reading tratto dal suo omonimo libro pubblicato da Chiarelettere.
Prezzo: € 3
   
Giovani all’ombra
14 novembre - sabato ore 15, Centro Incontri della Provincia - sala Falco
Autori presenti: Matteo B. Bianchi, Peppe Fiore, Simone Perotti, Concetto Vecchio

Sono una specie in via d’estinzione. In Italia diminuiscono numericamente e allo stesso tempo stanno scomparendo dalla percezione che la società ha di loro. Sono i ventenni, i trentenni e i quarantenni, quelli che sinteticamente ci siamo abituati a pensare, e a nominare, come i giovani. Eppure, in quella zona d’ombra sempre più incerta, è diventato difficilissimo capire chi si è e in che direzione ci si sta muovendo (e soprattutto se ci si sta muovendo). Concetto Vecchio li ha raccontati in Giovani e belli. Un anno fra i trentenni italiani all’epoca di Berlusconi (Chiarelettere 2009), Peppe Fiore ha descritto la vicenda tragicomica di uno di loro in La futura classe dirigente (minimum fax 2009) e Simone Perotti in Adesso basta (Chiarelettere 2009) ha suggerito un modo per reagire a un futuro che si sta rapidamente svuotando. Modera l’incontro Matteo B. Bianchi.
Prezzo: € 3

Breve viaggio nel buio del pregiudizio
14 novembre - sabato ore 16, sala polivalente CDT
Autori presenti: Riccardo Cremona, Vincenzo De Cecco, Riccardo Staglianò

Vivono con noi da anni. Di loro sappiamo pochissimo, ma pretendiamo di illuminare questo buio con innumerevoli luoghi comuni e pregiudizi. Le comunità cinesi che ormai risiedono in Italia da più generazioni sollecitano attenzione per un fenomeno complesso perché ci propongono un modo particolarissimo di intendere la coesistenza. Miss Little China (Chiarelettere 2009), il documentario di Vincenzo De Cecco e Riccardo Cremona basato sull’inchiesta di Riccardo Staglianò e Raffaele Oriani (I cinesi non muoiono mai, Chiarelettere 2008), ci consente una perlustrazione di un sistema sociale che ha avuto una impressionante capacità di penetrazione nel tessuto italiano, e allo stesso tempo ci impone un’altra percezione del tutto inedita: quella che i cinesi hanno di noi.
Prezzo: € 3
   
Nodi nel buio
15 novembre - domenica ore 15, Centro Incontri della Provincia - sala Falco
Autori presenti: Massimo Fini, Giuseppe Genna, Rossano Lo Mele, Bruno Tinti

Immaginare che cosa diventerà il nostro Paese è il modo migliore per riflettere su che cosa è già in questo preciso momento. Perché proiettare in avanti, da qui ad alcune decine di anni, i nodi sociali e culturali al momento più insolubili ci dà la possibilità di comprendere quanto questi nodi siano stretti e quali siano le ragioni per le quali sembra così difficile venirne a capo. A ragionare sull’Italia che verrà il giornalista Massimo Fini, che con Il dio Thoth (Marsilio 2009) racconta il distacco tra virtuale e reale nel prossimo futuro; Giuseppe Genna, uno dei nove scrittori che in Anteprima nazionale. Nove visioni del nostro futuro invisibile (minimum fax 2009) hanno messo in scena l’Italia del 2030; e Bruno Tinti, che in La questione immorale (Chiarelettere 2009) concentra il proprio sguardo sulle ragioni profonde del nostro attuale smarrimento. Modera l'incontro Rossano Lo Mele.
Prezzo: € 3

Le notti bianche
15 novembre - domenica ore 16.30, Centro Incontri della Provincia - sala blu
Autori presenti: Giuseppe Culicchia, Luca Rastello, Dario Voltolini  

C’è Torino, di notte. Una varia umanità che la popola sempre più gioiosa e disperata, e un’incredibile quantità di cocaina. E poi c’è il mondo attraversato dalla coca, il sistema del narcotraffico, i trucchi per trasportare la droga nascosta dentro le valigie oppure nei cargo o chiusa negli ovuli ingoiati. In ogni caso tonnellate e tonnellate di bianco che attraversano confini e si riversano a fiumi nelle notti italiane. Deformando il titolo di Dostoevskij, potremmo davvero parlare di “notti bianche”. A descrivere, tra narrazione e giornalismo d’inchiesta, un fenomeno sociale ed economico che ridisegna rapporti di potere ed equilibri internazionali, Giuseppe Culicchia (Brucia la città, Mondadori 2009) e Luca Rastello (Io sono il mercato, Chiarelettere 2009). Modera l’incontro Dario Voltolini.
Prezzo: € 3



di Loretta Napoleoni*
Fonte: Internazionale.it
6 novembre 2009

In Afghanistan la democrazia occidentale è un modello inapplicabile. Agli Stati Uniti servono idee nuove su come portare pace e benessere in un altro paese.

Nel ventesimo anniversario della caduta del muro di Berlino gli Stati Uniti stanno perdendo la guerra in Afghanistan, un paese che indirettamente contribuì al crollo della cortina di ferro. Negli anni ottanta i mujahiddin afgani combatterono il jihad antisovietico proprio come oggi le forze della coalizione occidentale danno battaglia ai taliban e ad Al Qaeda. Nel febbraio del 1989, dopo una ritirata lunga, dolorosa e umiliante, gli ultimi militari sovietici uscirono dall’Afghanistan, pochi mesi prima dell’implosione del sistema sovietico. Senza quella sconfitta, oggi forse non potremmo festeggiare i vent’anni dalla fine della guerra fredda e l’Europa unita.

Ma oggi l’Afghanistan determina ancora una volta il nostro futuro. E, paradossalmente, il cimitero di una superpotenza è diventato il campo di battaglia dell’altra, cioè degli Stati Uniti, che finanziarono i mujahiddin insieme ai sauditi e che hanno usato questo paese così ostile per sconfiggere l’Unione Sovietica.

Le analogie tra le due guerre sono molte. I generali sovietici non facevano che chiedere più uomini per controllare quel territorio, dove la moderna macchina da guerra non funzionava. Le armate degli Stati Uniti e della coalizione occidentale sono di fronte allo stesso problema: le consuete tattiche belliche non danno i risultati sperati e ogni vittoria porta con sé altrettante illusioni.

Come scoprirono a suo tempo i generali sovietici, in Afghanistan è del tutto inutile conquistare un villaggio, perché il giorno dopo i terroristi riprendono il controllo delle sue strade. I taliban sono sfuggenti come i mujahiddin: la sera svaniscono sulle montagne e la mattina dopo sono lì che sparano di nuovo.

Le due guerre si somigliano anche sotto il profilo geografico. Durante il jihad antisovietico gran parte dei combattimenti si svolse nel sud dell’Afghanistan, verso il confine con il Pakistan, dove i mujahiddin si rifugiavano per sfuggire ai sovietici. Oggi i taliban e Al Qaeda hanno il loro quartier generale a Quetta, in Belucistan. La maggior parte dei morti sovietici cadde nelle province di Kandahar e di Helmand, che anche in questa nuova guerra afgana sono le zone più instabili. Ma la somiglianza che colpisce di più riguarda l’obiettivo finale delle due guerre: trasformare l’Afghanistan in un paese amico facendone un replicante della superpotenza che lo invade. Uno stato satellite dell’universo sovietico vent’anni fa, una democrazia all’occidentale oggi. Pericoloso, come esercizio di nation building.

Il passatempo preferito di Washington
Fino alla caduta del muro di Berlino gli Stati Uniti si erano mossi con cautela in questo gioco, che sembrava piacere a Mosca. Due tentativi - la trasformazione della Germania e del Giappone in paesi democratici - erano andati bene, anche se Washington ha davvero ultimato il suo compito solo con la riunificazione tedesca del 1990. La caduta del muro di Berlino aveva dimostrato che la democrazia era esportabile. Forse, dopo aver visto gli europei fare a pezzi il muro a mani nude pur di ricongiungersi con parenti e amici dall’altra parte della barriera della guerra fredda, la Casa Bianca si era convinta che la democrazia era l’arma più potente di cui disponeva. Questo spiegherebbe perché, dagli anni novanta in poi, il passatempo preferito di Washington sia diventato il nation building.

Da uno studio condotto dalla Rand corporation nel 2003 risulta che sulle 55 operazioni di pace organizzate dagli Stati Uniti dal 1945, 41 sono successive al 1989. Gli interventi di Washington sono sempre stati seguiti da iniziative di nation building, ma il bilancio è pessimo. Dalla Somalia nel 1993, passando per il Ruanda, la Bosnia e il Kosovo, ogni volta “gli Stati Uniti hanno guidato un intervento di portata più vasta e più ambizioso del precedente”, conclude il rapporto.

George W. Bush ha criticato i tentativi di diffondere la democrazia di Bill Clinton, ma dopo l’11 settembre si è impegnato in un importante e ambizioso progetto di nation building in Afghanistan e in Iraq. Nessun presidente americano eletto dopo la guerra fredda, compreso Obama, ha capito che l’elemento principale del nation building non è la ricostruzione economica, ma la trasformazione politica.

Così gli americani stanno facendo gli stessi errori dei sovietici. In Somalia, ad Haiti e in Afghanistan Washington non è riuscita a insediare dei veri governi democratici, perché tutti e tre i paesi sono lacerati da divisioni etniche, socioeconomiche o tribali. Quanto all’Afghanistan, sembra proprio che la democrazia di stampo occidentale sia il modello sbagliato da applicare. L’Urss è crollata a causa dell’obsolescenza del modello economico e politico su cui poggiava. Il Cremlino non ha saputo modernizzarsi e la sua sfortunata guerra in Afghanistan l’ha dimostrato.

Quanto agli Stati Uniti, corrono lo stesso rischio se la loro modernizzazione si limiterà all’elezione di Barack Obama. Avrebbero bisogno anche di un’idea nuova su come portare la pace e il benessere in un altro paese.

*Loretta Napoleoni è un’economista italiana che vive a Londra. Il suo ultimo libro pubblicato in Italia è La morsa. Le vere ragioni della crisi mondiale (Chiarelettere, 2008).





commenti


Fonte: www.beppegrillo.it
Le Ferrovie ai tempi di Mussolini arrivavano in orario e servivano per spostarsi, Ai tempi dello psiconano e dei suoi compari del Pdmenoelle arrivano in ritardo e servono per assegnare gli appalti. In Sicilia ci sono ancora le littorine fasciste con nove ore di treno da Palermo a Ragusa. I pendolari italiani viaggiano come nei carri bestiame. In compenso avremo la Tav in Val di Susa per il corridoio europeo e il Ponte di Messina. Grandi Opere per Grandi Appaltatori.

Indice:
Un progetto collettivo nazionale abbandonato
Il baratro dell'Alta Velocità
Treni puliti e puntuali
Una responsabilità politica

La scheda del libro

 






Lasciare lavoro e cambiare vita.
Filosofia e strategia di chi ce l'ha fatta.

Adesso basta
di Simone Perotti
Chiarelettere editore
La scheda del libro
La rubrica dell'autore

Dibattito in occasione della pubblicazione del libro
Intervengono insieme all'autore:
Domenico De Masi, sociologo
Maarten van Aalderen, presidente Associazione stampa estera Roma

3 novembre ore 18 - Roma
C/o Associazione stampa estera, via dell'Umiltà 83/C
Ingresso libero fino a esaurimento posti


sfoglia ottobre        dicembre

 

VIDEO

Sottoscrivi via email gli aggiornamenti di questo blog

Feed RSS di questo blog  RSS 2.0

CONTATTI
info@chiarelettere.it
Tel. +39.02.00649632
Via Melzi d'Eril 44
20145 Milano


Chiarelettere è promossa da
Pro Libro Service s.r.l. info@prolibroservice.it
e distribuita da Messaggerie



I LIBRI DI CHIARELETTERE

Metastasi
Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud.
La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito
di Gianluigi Nuzzi con Claudio Antonelli
Collana: Principio attivo
Pp 208 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Gaber. L'illogica utopia
Autobiografia per parole e immagini
a cura di Guido Harari
con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber
Pp 320 - euro 59
La scheda
Vai alla rubrica


Ai confini del mondo
Il viaggio, le inchieste, la vita di un reporter non comune.
Un libro di Giorgio Fornoni.
Un film di Gianandrea Tintori
Collana Dvd+libro
Pp 176, durata film: 60 minuti
euro 18,60 €
La scheda
Vai alla rubrica


La lobby di Dio
Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere
di Ferruccio Pinotti
con la collaborazione di Giovanni Viafora
Collana Principio attivo
Pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


1994
L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal Caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi.
Una storia mai raccontata.
di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari
Collana Principio attivo
pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nel paese dei Moratti
Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo 
pp. 256 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'Italia in Presadiretta
Viaggio nel paese abbandonato dalla politica
di Riccardo Iacona
Collana Reverse
pp. 192 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Di testa nostra
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana Reverse
pp. 224 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'agenda nera
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza.
Collana Reverse
pp.464 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La colata
di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari,
Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo
Collana: Principio Attivo
Pp. 544 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Intrigo internazionale
di Giovanni Fasanella e Rosario Priore
Collana Principio Attivo
Pagine 208 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

assaltoalpm
Assalto al Pm
di Luigi de Magistris
Collana Reverse
Pagine 336 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica

dopod il ui il diluvio
Dopo di Lui il diluvio
di Oliviero Beha
Collana Reverse
Pagine 256 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

senz'anima
Senz'anima
di Massimo Fini
Collana Reverse
Pagine 496 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica

pane e bugie
Pane e bugie
di Dario Bressanini
Collana Reverse
Pagine 320 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Controcanto
di Marco Revelli
Collana Reverse
euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Grazie

di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito dell'amore
di Mario Portanova
Collana: Reverse
Pagine 256 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Ad personam
di Marco Travaglio
Collana Reverse
Pagine 608 - euro 16,90
La scheda del libro
Vai alla rubrica


I dieci giorni che sconvolgeranno il mondo
di Alain Minc
Traduzione di Valentina Abaterusso
Collana Reverse
Pagine 128 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il patto
di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci
Collana Principio Attivo
Pagine: 338 - euro 16,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La strada di Levi
di Davide Ferrario, Marco Belpoliti, Andrea Cortellessa
Collana DVD + libro
Euro 24
La scheda
Vai alla rubrica


Giorgio Perlasca
di Dalbert Hallenstein e Carlotta Zavattiero
Pagine: 220 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Tourbook - Fabrizio De André 1975/98
di Fondazione Fabrizio De André onlus
a cura di Elena Valdini
Pagine: 484 - euro 59,00
La scheda del libro


Dentro l'Opus Dei
di Emanuela Provera
Collana: reverse
Pagine: 216 - euro 4,00
La scheda del libro


Fuori orario
di Claudio Gatti
Collana: principioattivo
Pagine: 241 - euro 15,00
La scheda del libro


Adesso basta
di Simone Perotti
Collana: reverse
Pagine: 195 - euro 14,00
La scheda del libro


La cura
di Michele Ainis
Collana: reverse
Pagine: 183 - euro 14,00
La scheda del libro


Agenda voglioscendere 2010
dal blog di Corrias, Gomez e Travaglio
a cura di Roberto Corradi
Prezzo: euro 12,90
La scheda


Il regalo di Berlusconi
di Peter Gomez e Antonella Mascali
Collana: principioattivo
Pagine: 339 - 15,00 euro
La scheda del libro


Presunto colpevole
di Luca Steffenoni
Collana: reverse
Pagine: 272 - 14,00 euro
La scheda del libro


Papi
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Collana: reverse
Pagine: 331 - 15,00 euro
La scheda del libro


Un inverno italiano
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana: reverse
Pagine: 336 - euro 14,60
La scheda del libro


Miss Little China
di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco (DVD)
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò (libro)
Collana: libro+DVD
Pagine: 77 - euro 19,60
La scheda del libro


Processo agli economisti
di Roberto Petrini
Collana: reverse
Pagine: 170 - euro 13,60
La scheda del libro


Vaticano S.p.A.
di Gianluigi Nuzzi
Collana: principioattivo
La scheda del libro
La rubrica dell'autore


Italia Anno Zero
di Beatrice Borromeo, Marco Travaglio e Vauro
Collana: reverse
La scheda del libro


I nuovi mostri
di Oliviero Beha
Collana: reverse
Pagine: 281 - 13,60 euro
La scheda del libro


La morsa
di Loretta Napoleoni
Collana: reverse
Pagine 186 - 13,60 euro
La scheda del libro


L'Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Collana: principioattivo
Pagine 337 - 16 euro
La scheda del libro


Giovani e belli
di Concetto Vecchio
Collana: principioattivo
Pagine 193 - 14 euro
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Sol dell'Avvenire
di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone
Pagine: 127
Durata DVD: 77 minuti
Prezzo: euro 19,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Il gruppo su facebook


Passione reporter
di Daniele Biacchessi
Prefazione di Ferruccio De Bortoli
Collana: reverse
Pagine: 230 - euro 12,60
La scheda del libro
Il Teatro Narrativo Civile


Lotta civile
di Antonella Mascali
Collana: reverse
Pagine: 305 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Profondo nero
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Collana: principioattivo
Pagine: 295 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La questione immorale
di Bruno Tinti
Collana: reverse
Pagine: 205 - euro 13,60
La scheda del libro
Il blog di Bruno Tinti


Io sono il mercato
di Luca Rastello
Collana: reverse
Pagine: 176 - 12,00 euro
La scheda del libro


Un paese di baroni
di Davide Carlucci e Antonio Castaldo
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il suono e l'inchiostro
A cura del Centro Studi Fabrizio De André
Prezzo: euro 15,00
Collana: reverse
La scheda del libro


La Finanziaria siamo noi
di Stefano Lepri
Prezzo: euro 13,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro


Strage continua
di Elena Valdini
Prefazione di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: euro 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


ALZA LA TESTA!
di Piero Ricca
con Franz Baraggino, Diego Fabricio, Elia Mariano
Prefazione di Marco Travaglio
Prezzo libro + DVD: euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Un nuovo contratto per tutti
di Tito Boeri e Pietro Garibaldi
Prezzo: euro 10,00
Collana: reverse
La scheda del libro


Evaporati in una nuvola rock
a cura di Guido Harari e Franz Di Cioccio
Prezzo: euro 37,00
La scheda del libro


La paga dei padroni
di Gianni Dragoni e Giorgio Meletti
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
La scheda del libro


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
La scheda del libro
Il blog dell'autrice

Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica
La giornata del risparmio energetico

 
Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani
di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica









Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Ascolta l'incipit
 
 


 



Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
La scheda del libro
Vai alla rubrica

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Toghe rotte
A cura di Bruno Tinti
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro

Vai alla rubrica

Ascolta l'incipit

Il blog dell'autore



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Collana: reverse
Prezzo: 10 euro
La scheda del libro

Vai alla rubrica



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Prezzo: 12 euro
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Paese della Vergogna
di Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Italiopoli
di Oliviero Beha
Prezzo: 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
La scheda del libro
Il blog dell'autore