.
Annunci online

abbonamento


Sbagli, truffe, ruberie nelle Ferrovie italiane.
In questo libro le prove, le testimonianze, i rapporti riservati.
di Claudio Gatti
Chiarelettere, Principio Attivo, pp 256, euro 15
In libreria dal 30 ottobre 2009
La sheda del libro

Presentazioni
Roma 30 ottobre ore 18 c/o la Feltrinelli via Vittorio Emanuele Orlando. Con l’autore: Alberto Cisterna, Sergio Rizzo e Andrea Vinello
Milano 3 novembre ore 18 c/o la Feltrinelli Duomo, piazza Duomo. Con l’autore: Alfredo Robledo e Lanfranco Vaccari

“I soldi sono messi in circolo. E da sempre vanno alle grandi aziende, ai partiti e ai sindacati.”
Un ex dirigente Fs.

“Qui non puliscono più. I treni fanno schifo. Vi prego di intervenire. La situazione in Calabria è gravissima.”
Email di un funzionario di Trenitalia, 11 gennaio 2006.

“Mi dissero che avevo vinto la gara. Ma poi una persona dell’Ufficio acquisti a Bologna mi ha sconsigliato. Ho capito che non era il caso di andare a dar noia a qualcun altro che, forse, doveva fare quell’attività. Dissi: ‘Va bene, rinuncio’.”
Giampiero Galigani, imprenditore.

“Siamo a un anno e mezzo dall’apertura del mercato ad Alta velocità ed è ormai chiaro che Fs si presenterà senza treni... le Fs hanno già perso.”
Due ex dirigenti Trenitalia.

“Il vero buco nero di Trenitalia è un’eredità di 800mila ore di debito manutentivo, cioè di lavori non fatti.”
Da un documento interno di Trenitalia.

“I capi si consegnavano alle Fs senza lavarli? ‘Erano stesi all’aria, disinfettati, piegati e restituiti’. Sporchi? ‘Be’, li spruzzavamo con il disinfettante. Quindi, tecnicamente, si poteva dire che non fossero più sporchi’.”
Testimonianza di C.B., ex proprietaria della lavanderia Alce di Pisa.

“Fino al 1999, quando i dati della puntualità erano inseriti manualmente, era Tutto taroccato. Adesso non è più così. Ma in assenza di controlli esterni, lo spazio per l’abuso rimane. Nel 2008 ben 1754 Eurostar sono arrivati in ritardo ma registrati come puntuali.”
Testimonianza, documenti alla mano, di un ex dirigente del gruppo Fs

Claudio Gatti (Roma, 1955) risiede dal 1978 negli Stati Uniti. Inviato speciale de Il Sole 24 Ore, collabora con il New York Times e l’International Herald Tribune. Nel 2005 è stato il primo giornalista a denunciare lo scandalo Oil for Food. È autore di altre inchieste sul terrorismo islamico, le economie illegali e la recente crisi finanziaria.


commenti


Mills è stato condannato per corruzione. Ma per esserci un corrotto, ci deve essere un corruttore e degli ottimi motivi per corrompere. Perché Mills è stato corrotto? Nessuno ne ha parlato, scritto, dibattuto...
Perché i motivi sono stati ignorati dai media a favore delle puttane e dei calzini azzurri? Quanti sono coinvolti? Peter Gomez* lo spiega in questa intervista e nel libro: "Il regalo di Berlusconi"...
Leggi tutto su beppegrillo.it

*Peter Gomez è autore, insieme ad Antonella Mascali, de "Il regalo di Berlusconi", il libro che ricostruisce l'inchiesta e il processo che hanno spinto il presidente del Consiglio a far approvare il Lodo Alfano.

La scheda del libro


commenti

Un bel messaggio tra i tanti che fioccano in questi giorni. Ma quanti siamo ad aver cambiato vita, ad avere avuto la forza per dire "Adesso Basta"? Chi sta per cambiare, chi vorrebbe ma ha paura, deve proprio ammettere che più manforte di così, più incentivo da una simile enorme massa di gente che testimonia che "si può fare", non poteva ricevere... E messaggi come questi, ve lo garantisco, ne ricevo in continuazione...

ciao simone, scusa l'intrusione ma il tuo libro mi ha fatto rivivere certi pensieri ed emozioni che mi hanno portato a scegliere di uscire da quell'ingranaggio sociale che sino allo scorso anno gestiva lo scandire del mio tempo. Sono rimasto sorpreso dall'enfasi dei commenti di alcune persone di fronte a una scelta di cambiamento. Ricordo una frase di un film che recitava piu o meno cosi "ogni momento e' perfetto per rivoluzionare tutto ..completamente", naturalmente come rimarchi nel libro quando si tratta di LAVORO o ruolo sociale il discorso inizia a far paura come se si colpisse profondamente il nostro ego nel suo processo infingardo di affermazione.Hai ragione, le persone hanno paura di quell'effetto sociale che definerei alla pink floyd "comfortbly numb!!" che li culla ed accarezza ma che li lascia su quel TRAM, lungo lo stesso percorso, illuminato da mille luci e rassicuranti decorazioni natalizie. CRESCENDO SI SONO DIMENTICATI COME SCENDERE. Ammiro la tua scelta forse perche so di che parli. Ho fatto il giro del mondo lo scorso anno e sono ancora considerato un pazzo ad aver lasciato IBM ;) ciao FABIO



 



Da testimonianze inedite e documenti riservati
le prove del disastro delle Ferrovie dello Stato


Dibattito in occasione delle pubblicazione del libro
Fuori orario
(in uscita il 30 ottobre 2009)
di Claudio Gatti
Chiarelettere editore

Con l'autore intervengono:
Alberto Cisterna
Sergio Rizzo
Andrea Vianello

30 ottobre 2009 - ore 18
Libreria la Feltrinelli -. via Emanuele Orlando 78/81 - Roma
 
(Ingresso libero fino ad esaurimento posti)

 

commenti

Ecco un bell'esempio di downshifting, meno radicale del mio, ma perfetto per spiegare come vi siano infinite gradazioni del processo di liberazione individuale. Come si vede, però, nessun metodo può prescindere dal lavoro personale, dall'impegno, dalla responsabilità. Non è mai facile diventare liberi, ma sempre ne vale la pena.

T. mi scrive sul gruppo di discussione "Downshifting" aperto su Linkedin:

Vi fornisco qualche dato “oggettivo” per inquadrare meglio la mia situazione e la mia scelta.
Dopo 27 anni da dipendente sono passato nella schiera dei lavoratori autonomi soprattutto per riappropriarmi del piacere di lavorare e per un migliore work/life balance.
Non è stato per nulla facile, complice anche questa rivoluzione, re-inventarmi un attività. - Come scritto in altri gruppi di discussione, per me questa non è una crisi che si risolverà ma un cambiamento radicale di modelli consolidati. E purtroppo nessuno sa quali nuovi modelli di lavoro emergeranno -. Io ho la mia opinione: la maggior parte di noi tornerà a fare l’artigiano sia che ripari scarpe, che programmi computer o che definisca le strategie di una piccola media azienda.
Ho cercato di combinare le mie esperienze con le mutate necessità del mercato e da li sono partito per proporre i miei servizi. Dopo due anni il bilancio è positivo. Ovviamente sono un degno rappresentante del downshifting; guadagno meno (molto meno !!), la carriera non esiste, sicurezza del posto (quale posto ?!) men che meno, ma:
  • Il mio lavoro consiste di solo “lavoro”.
  • Non ho più inutili meeting o conference call;
  • quando ho finito un lavoro posso dedicare tempo ai miei hobby invece di dover stare in ufficio a fare presenza;
  • non devo più compilare assurdi report per giustificare, a chi aveva creato la mia posizione, perché esisto;
  • non devo più associare, con formule degne di Einstein, ad ogni mia azione un ritorno economico per l’azienda.
  • Non passo 2 ore al giorno in tangenziale.
  • Non devo recitare la parte del “signorsì” a fronte di un manager incapace.
  • Ho molto più tempo per me e i miei interessi.
Ad oggi ho fatto più di 8 settimane di ferie e il 2009 non è ancora finito …..
Quando posso, lavoro la mattina presto o la sera in modo da avere le ore centrali della giornata libere per fare attività all’aperto.
Non esiste la settimana lavorativa e il weekend. Mi capita di lavorare di domenica ma di andare in montagna il martedì e al lago il giovedì.
Spendo buona parte del mio tempo ad aggiornami, fare marketing di me stesso e cercare nuovi clienti.

Non è una vita facile. Ma non tornerei più indietro!
Prima il lavoro erra diventato un peso perchè le attività "inutili" e la burocrazia occupavano il 60% del mio tempo. Ora mi da moltissimi soddisfazioni. Non sono preoccupato del non avere il "posto fisso" perché ritengo di star anticipando un nuovo modello lavorativo - il ritorno all'artigianato - che presto per molti diventerà la nuova realtà lavorativa.

Non ho la tredicesima e quando sono in ferie non guadagno. Idem se mi ammalo (dovrò farmi un assicurazione !).
Non cambierò la mia vecchia auto e la mia moto.
Ma oggi, visto il bel tempo, ho iniziato a lavorare alle 6:30 di mattina. Ora ho finito, consegnato il lavoro, adesso vado in bicicletta per boschi

 



Intervista a Lorenzo Fazio, direttore editoriale di Chiarelettere
a cura di Simona Maggiorelli (Left, ottobre 2009)

E' il caso editoriale degli ultimi anni. In pochissimo tempo, dal 2007 a oggi, Chiarelettere, fondata e diretta da Lorenzo Fazio (genovese, con alle spalle esperienze di lavoro in Einaudi e Bur), si è imposta sul mercato con titoli incisivi, controcorrente, di forte denuncia. Con libri come Vaticano spa o il recente Il regalo di Berlusconi, riuscendo a intercettare un pubblico laico, attento ai valori della democrazia, che credevamo assopito. «Di fatto - commenta Fazio - oggi c’è una forte divaricazione fra ciò che viene proposto da grandi giornali e tv e ciò che accade nel mondo dei libri che affrontano certi temi di attualità. Testi come quello di Nuzzi, per esempio, non hanno avuto un’accoglienza sui media tale da giustificare una tiratura e una vendita così eccezionale (70mila copie). La Repubblica e La Stampa hanno pubblicato solo una nota nelle pagine dell’economia. Un atteggiamento strano visto che Vaticano spa tratta di verità incontestabili, dati alla mano. Doveva esplodere un caso. Ma sui giornali non è stato registrato. Salvo eccezioni come Left.

Occorrono editori puri per poter pubblicare libri d’inchiesta così corrosivi?
E' un vantaggio che abbiamo. Anche Fazi, che ora è stato acquisito per il 35 per cento dal gruppo Mauri Spagnol, è un editore puro. Così come lo è Newton Compton. Non è un caso che ci troviamo in loro compagnia nel fare questo tipo di saggistica che implica non avere timore di attaccare l’uno o l’altro. Di fatto anche Bompiani o talora Mondadori fanno degli ottimi libri di saggistica. Perché ci lavorano seri professionisti. Ma in alcuni casi devono lasciare il passo a chi, come noi, può affrontare qualsiasi argomento.

Una rivincita dei piccoli?
Da qualche anno i piccoli editori riescono a imporre libri ad alta tiratura: prima non avveniva. E vale sia per la saggistica che per la narrativa. è un segnale di vitalità. I grandi non possono più dormire sugli allori, devono stare al passo con la concorrenza.

Libri come I cinesi non muoiono mai o Non chiamarmi zingaro, per esempio, parlano del nuovo volto dell’Italia, dei nuovi cittadini immigrati. Come intercettate i vostri temi?
Ci orientiamo come se fossimo una rivista. Vediamo quali sono i temi che fanno da sfondo alla società e al dibattito pubblico. Individuiamo le onde lunghe di un problema. Dietro la cronaca, sotto la spuma, la cresta in superficie. Cerchiamo di approfondire. Usando la forma dell’inchiesta, a volte la testimonianza oppure la ricostruzione storica. Ma sempre andando a sviscerare i problemi con andamento narrativo. Si può fare della divulgazione in modo molto serio usando i documenti, le testimonianze, gli archivi. In modo assolutamente inoppugnabile, ma cercando di fare venir fuori delle storie.

Inchieste sulla mafia, sul potere di Berlusconi, ma anche su crimini come la pedofilia. Volete accendere dei dibattiti pubblici?
Quello che ci preoccupa è che non abbiamo interlocutori che, a livello politico, raccolgano queste denunce e le facciano proprie.

Come è il vostro pubblico?
Fra i nostri lettori ci sono molti giovani e poi persone più mature, preparate, che vogliono un’informazione più completa. Lo deduco dal fatto che se facciamo degli errori ci “beccano” subito. Il nostro lavoro è pensato per queste persone, attente, che oggi rappresentano lo zoccolo duro di lettori in Italia.

Nel futuro di Chiarelettere?
Ho sempre cercato di farne uno strumento di approfondimento culturale: casa editrice libera ma con più facce. Penso che il libro oggi sia uno dei tanti strumenti per accedere a un’informazione che non c’è. Per questo siamo entrati nell’impresa del quotidiano Il Fatto, anche se solo per il 16 per cento. E' un segnale che abbiamo voluto dare. E probabilmente faremo altri passi nel multimediale, pensando a più piattaforme con cui veicolare dei contenuti di alto livello. La scommessa si gioca in primis su internet. Già il nostro blog conta su 60mila persone. E 180mila presenze sono sull’Antefatto, nato per il quotidiano. E importante è riuscire a costruire una rete che si tenga e che sia affidabile.


commenti



Ecco l'ultimo video, riepilogativo. Ne ho realizzati sei, per chi fosse interessato a vederli tutti. Sono una sorta di introduzione ad alcuni dei temi del libro. Un modo più diretto per capire "Adesso Basta". Si accettano (naturalmente) commenti e critiche. Ciao!






20 ottobre 2009 - ore 20.30
Camera del Lavoro di Milano - corso di Porta Vittoria, 43
Ingresso libero fino a esaurimento posti

La vera storia del caso Mills
Dibattito in occasione dell'uscita del libro di Peter Gomez e Antonella Mascali

Partecipano con gli autori:
Gianni Barbacetto
Bruno Tinti
Marco Travaglio





Intervista a Lorenzo Fazio (direttore editoriale di Chiarelettere)
di Antonio Prudenzano
www.affaritaliani.it

Comprare diritti (inutile dire, dagli altri). Scoprire (meglio ancora fottere ai rivali italiani...) le novità, naturalmente estere, più interessanti, e magari accaparrarsele a prezzi abbordabili. Questo il lessico fatto proprio per decenni dagli editori italiani in trasferta a Francoforte, dove si sta svolgendo un'edizione della Fiera del Libro segnata dalla crisi economica mondiale, che a dirla tutta ha coinvolto soprattutto l'industria editoriale statunitense e molto meno quella europea.  

Ma ora c'è chi vende - Quest'anno, per il nostrano (e solitamente sonnacchioso) mondo dell'editoria c'è però una novità, positiva e inaspettata. Finalmente c'è qualcuno dei nostri che vende. E mica romanzi (o meglio, gialli...), perché non ci sarebbe nulla di nuovo, basti pensare all'amatissimo Camilleri. Per la prima volta, infatti, il mondo (Stati Uniti compresi) compra i nostri saggi (cosa prima d'ora mai avvenuta, se non in rarissimi casi). Protagonista di questa rivoluzione è la casa editrice del momento, Chiarelettere.

Non solo "Papi" - A questo proposito, l'editore Lorenzo Fazio sceglie Affaritaliani.it per annunciare che, a differenza di quello che si potrebbe pensare, il successo dei suoi libri non vede coinvolto solo il recente "Papi" del trio Travaglio-Lillo-Gomez (scontato, visto che all'estero, lo abbiamo visto negli ultimi mesi, è forte l'interesse per le vicende politiche e non solo che riguardano il nostro Paese): "Il vero evento è che la prestigiosa casa editrice inglese (e americana) Granta Press abbia comprato i diritti di "Io sono il mercato" di Luca Rastello, inchiesta sul traffico di cocaina. Gli anglosassoni (ma il volume è stato acquistato anche dagli spagnoli di  Duomo Ediciones) ci hanno sempre venduto i loro saggi, e ora chiedono i nostri!".

"E' la prima volta che accade" - Fazio aggiunge: "E' il primo anno che si verifica quest'attenzione, e senza falsa modestia devo ammettere che sono i libri Chiarelettere quelli che riescono a vendere. Il marchio della mia casa editrice ormai all'estero lo conoscono, e la soddisfazione più grande è che non solo libri come "Papi" (comprato, per ora, in Olanda da Lebowki - Oscar van Gelderen, in Spagna da Duomo Ediciones e in Albania da Tirana Times Thnegel Ltd Publishing), ma anche altri come "Il ritorno del principe" di Scarpinato e Lodato, acquistato in Francia da Castel Edition e in Olanda sempre da Lebowki (Oscar van Gelderen), o "Processo agli economisti" di Roberto Petrini, "Viaggio nel silenzio" di Vania Lucia Gaito, oltre a "Dentro l'Opus Dei" di Emanuela Provera (in uscita in Italia il 12 novembre, ndr), riscuotano grande interesse".

                                       

All'estero tutti pazzi per "Vaticano SpA" - Ma non finisce qui: Affaritaliani.it è in grado di rivelare che anche il recentissimo "Adesso basta" (due ristampe in quattro giorni, che piace molto a spagnoli e tedeschi) di Simone Perotti, e il saggio più venduto in Italia nel 2009, "Vaticano SPA" di Nuzzi, sono ricercatissimi  fuori dal nostro Paese. A proposito di quest'ultimo, a Francoforte sette editori hanno finora comprato i diritti di traduzione dell'inchiesta. L’agente che si occupa di "Vaticano SPA", Luigi Bernabò, ha 'piazzato' il volume in Portogallo (Presenca), Spagna (Martinez Roca), Slovenia (Modrijan), Corea (Sudest Publishing), Brasile (Laroussa), Grecia (Itamos) e  Germania (Ecowin). Non c'è che dire. La Chiesa in libreria tira, e non solo da noi, dove questa settimana, nella Top Ten dei libri più venduti, ci sono l'ultimo libro di Ratzinger e quello del Cardinale Tettamanzi...




sfoglia settembre   <<  1 | 2  >>   novembre

 

VIDEO

Sottoscrivi via email gli aggiornamenti di questo blog

Feed RSS di questo blog  RSS 2.0

CONTATTI
info@chiarelettere.it
Tel. +39.02.00649632
Via Melzi d'Eril 44
20145 Milano


Chiarelettere è promossa da
Pro Libro Service s.r.l. info@prolibroservice.it
e distribuita da Messaggerie



I LIBRI DI CHIARELETTERE

Metastasi
Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud.
La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito
di Gianluigi Nuzzi con Claudio Antonelli
Collana: Principio attivo
Pp 208 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Gaber. L'illogica utopia
Autobiografia per parole e immagini
a cura di Guido Harari
con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber
Pp 320 - euro 59
La scheda
Vai alla rubrica


Ai confini del mondo
Il viaggio, le inchieste, la vita di un reporter non comune.
Un libro di Giorgio Fornoni.
Un film di Gianandrea Tintori
Collana Dvd+libro
Pp 176, durata film: 60 minuti
euro 18,60 €
La scheda
Vai alla rubrica


La lobby di Dio
Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere
di Ferruccio Pinotti
con la collaborazione di Giovanni Viafora
Collana Principio attivo
Pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


1994
L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal Caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi.
Una storia mai raccontata.
di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari
Collana Principio attivo
pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nel paese dei Moratti
Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo 
pp. 256 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'Italia in Presadiretta
Viaggio nel paese abbandonato dalla politica
di Riccardo Iacona
Collana Reverse
pp. 192 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Di testa nostra
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana Reverse
pp. 224 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'agenda nera
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza.
Collana Reverse
pp.464 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La colata
di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari,
Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo
Collana: Principio Attivo
Pp. 544 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Intrigo internazionale
di Giovanni Fasanella e Rosario Priore
Collana Principio Attivo
Pagine 208 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

assaltoalpm
Assalto al Pm
di Luigi de Magistris
Collana Reverse
Pagine 336 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica

dopod il ui il diluvio
Dopo di Lui il diluvio
di Oliviero Beha
Collana Reverse
Pagine 256 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

senz'anima
Senz'anima
di Massimo Fini
Collana Reverse
Pagine 496 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica

pane e bugie
Pane e bugie
di Dario Bressanini
Collana Reverse
Pagine 320 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Controcanto
di Marco Revelli
Collana Reverse
euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Grazie

di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito dell'amore
di Mario Portanova
Collana: Reverse
Pagine 256 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Ad personam
di Marco Travaglio
Collana Reverse
Pagine 608 - euro 16,90
La scheda del libro
Vai alla rubrica


I dieci giorni che sconvolgeranno il mondo
di Alain Minc
Traduzione di Valentina Abaterusso
Collana Reverse
Pagine 128 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il patto
di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci
Collana Principio Attivo
Pagine: 338 - euro 16,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La strada di Levi
di Davide Ferrario, Marco Belpoliti, Andrea Cortellessa
Collana DVD + libro
Euro 24
La scheda
Vai alla rubrica


Giorgio Perlasca
di Dalbert Hallenstein e Carlotta Zavattiero
Pagine: 220 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Tourbook - Fabrizio De André 1975/98
di Fondazione Fabrizio De André onlus
a cura di Elena Valdini
Pagine: 484 - euro 59,00
La scheda del libro


Dentro l'Opus Dei
di Emanuela Provera
Collana: reverse
Pagine: 216 - euro 4,00
La scheda del libro


Fuori orario
di Claudio Gatti
Collana: principioattivo
Pagine: 241 - euro 15,00
La scheda del libro


Adesso basta
di Simone Perotti
Collana: reverse
Pagine: 195 - euro 14,00
La scheda del libro


La cura
di Michele Ainis
Collana: reverse
Pagine: 183 - euro 14,00
La scheda del libro


Agenda voglioscendere 2010
dal blog di Corrias, Gomez e Travaglio
a cura di Roberto Corradi
Prezzo: euro 12,90
La scheda


Il regalo di Berlusconi
di Peter Gomez e Antonella Mascali
Collana: principioattivo
Pagine: 339 - 15,00 euro
La scheda del libro


Presunto colpevole
di Luca Steffenoni
Collana: reverse
Pagine: 272 - 14,00 euro
La scheda del libro


Papi
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Collana: reverse
Pagine: 331 - 15,00 euro
La scheda del libro


Un inverno italiano
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana: reverse
Pagine: 336 - euro 14,60
La scheda del libro


Miss Little China
di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco (DVD)
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò (libro)
Collana: libro+DVD
Pagine: 77 - euro 19,60
La scheda del libro


Processo agli economisti
di Roberto Petrini
Collana: reverse
Pagine: 170 - euro 13,60
La scheda del libro


Vaticano S.p.A.
di Gianluigi Nuzzi
Collana: principioattivo
La scheda del libro
La rubrica dell'autore


Italia Anno Zero
di Beatrice Borromeo, Marco Travaglio e Vauro
Collana: reverse
La scheda del libro


I nuovi mostri
di Oliviero Beha
Collana: reverse
Pagine: 281 - 13,60 euro
La scheda del libro


La morsa
di Loretta Napoleoni
Collana: reverse
Pagine 186 - 13,60 euro
La scheda del libro


L'Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Collana: principioattivo
Pagine 337 - 16 euro
La scheda del libro


Giovani e belli
di Concetto Vecchio
Collana: principioattivo
Pagine 193 - 14 euro
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Sol dell'Avvenire
di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone
Pagine: 127
Durata DVD: 77 minuti
Prezzo: euro 19,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Il gruppo su facebook


Passione reporter
di Daniele Biacchessi
Prefazione di Ferruccio De Bortoli
Collana: reverse
Pagine: 230 - euro 12,60
La scheda del libro
Il Teatro Narrativo Civile


Lotta civile
di Antonella Mascali
Collana: reverse
Pagine: 305 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Profondo nero
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Collana: principioattivo
Pagine: 295 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La questione immorale
di Bruno Tinti
Collana: reverse
Pagine: 205 - euro 13,60
La scheda del libro
Il blog di Bruno Tinti


Io sono il mercato
di Luca Rastello
Collana: reverse
Pagine: 176 - 12,00 euro
La scheda del libro


Un paese di baroni
di Davide Carlucci e Antonio Castaldo
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il suono e l'inchiostro
A cura del Centro Studi Fabrizio De André
Prezzo: euro 15,00
Collana: reverse
La scheda del libro


La Finanziaria siamo noi
di Stefano Lepri
Prezzo: euro 13,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro


Strage continua
di Elena Valdini
Prefazione di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: euro 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


ALZA LA TESTA!
di Piero Ricca
con Franz Baraggino, Diego Fabricio, Elia Mariano
Prefazione di Marco Travaglio
Prezzo libro + DVD: euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Un nuovo contratto per tutti
di Tito Boeri e Pietro Garibaldi
Prezzo: euro 10,00
Collana: reverse
La scheda del libro


Evaporati in una nuvola rock
a cura di Guido Harari e Franz Di Cioccio
Prezzo: euro 37,00
La scheda del libro


La paga dei padroni
di Gianni Dragoni e Giorgio Meletti
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
La scheda del libro


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
La scheda del libro
Il blog dell'autrice

Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica
La giornata del risparmio energetico

 
Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani
di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica









Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Ascolta l'incipit
 
 


 



Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
La scheda del libro
Vai alla rubrica

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Toghe rotte
A cura di Bruno Tinti
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro

Vai alla rubrica

Ascolta l'incipit

Il blog dell'autore



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Collana: reverse
Prezzo: 10 euro
La scheda del libro

Vai alla rubrica



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Prezzo: 12 euro
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Paese della Vergogna
di Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Italiopoli
di Oliviero Beha
Prezzo: 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
La scheda del libro
Il blog dell'autore