.
Annunci online

abbonamento
commenti


di Stefania Limiti

autrice del libro "L'Anello della Repubblica"
 
Un uomo dell’Anello mi disse che Salvatore Giuliano non era stato ammazzato nel cortile dell’avvocato De Maria, che il bandito era morto molto tempo dopo e che l’operazione era stata gestita dalle spie di questo servizio segreto clandestino.

La rivelazione mi lasciò di stucco: se fosse vera – pensai – la storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi va riscritta. Da allora ho continuato a cercare evidenze, nuove prove a conforto di quel racconto. E molte cose sono emerse dall’ombra, come capita sempre quando si scava. Se avessi scritto allora quella rivelazione, mi avrebbero preso tutti per pazza.
Ma le cose si muovono sempre in questo nostro strano paese: e gli ultimi fatti confortano l’ipotesi più incredibile. La magistratura di Palermo ha avuto coraggio, affrontando un tema non ‘caldo’ma certamente non slegato anche dalla cronaca più attuale.

Quello che certo, per ora, è che nel cimitero di Montelepre all’interno della tomba con la foto di Turiddo, c'e' un cadavere, uno scheletro di una persona di sesso maschile, ben conservato.
Gli esami degli esperti diranno il resto. Vedremo se la storia del banditismo nero e dei suoi legami con le alte sfere della mafia italo-americana è stata chiusa con una soluzione a metà, con un grande compromesso, come quello che lo Stato in Italia ha continuato praticare, proprio dal dopoguerra fino ad oggi.   


L'Anello della Repubblica
La scoperta di un nuovo servizio segreto. Dal fascismo alle brigate rosse.
di Stefania Limiti

La scheda del libro
Acquista on line








Nuove rivelazioni confermano le tesi de "L’Anello della Repubblica"

di Stefania Limiti*

Ma allora… tutti sapevano di via Gradoli, e cioè che la prigione di Aldo Moro era proprio in quella via della capitale, proprio come suggeriscono testimonianze ed indizi raccolti nel capitolo dedicato ai 55 giorni de "L’Anello della Repubblica". Anzi, a leggere il racconto di Francesco Fonti a Riccardo Bocca, uno dei migliori giornalisti de “L'Espresso'', sembra proprio che si tratti di un pezzetto da aggiungere a quanto scritto nel libro.

Il pentito della 'ndrangheta, che ha permesso anche di individuare sui fondali a largo della Calabria la cosiddetta “nave dei veleni', racconta, come tanti altri testimoni ricordati nel libro, di aver avuto l’incarico dal suo capo, il boss Sebastiano Romeo, di recarsi a Roma e ficcare il naso nel caso Moro. E’ troppo il clamore del rapimento, disturba gli affari e poi da Roma, dalla Dc, era arrivata la richiesta di aiuto, impossibile ignorarla: "tramite i nostri paesani e i contatti che hai con quei cazzi di servizi segreti vedi di capire dove hanno nascosto Moro". Fonti, perfetto soldato criminale, va e obbedisce, salvo poi trovarsi di fronte ad uno stop chiaro quanto inaspettato: "sei stato bravo" gli dice infatti alla fine il suo boss, tra il 9 o il 10 di aprile, dopo che Fonti aveva fatto il suo lavoro: "peccato che da Roma i politici hanno cambiato idea". La richiesta iniziale non contava più: evidentemente Moro vivo non interessava più a quelle persone. Cosa aveva scoperto, nel frattempo, lo scaltro Francesco Fonti, grazie anche alla sua fonte nel Sismi, un certo ''Pino'' - conosciuto anni prima tramite Guido Giannettini, amico di Adalberto Titta (il capo operativo dell’Anello)? Che Aldo Moro si trovava in via Gradoli 96, dove fu scoperta solo il 18 aprile la base brigatista, con l’ormai famosa modalità pilotata, cioè quando dentro non c’era più nessuno. E come era giunto Fonti a quella certezza? Tramite i suoi contatti con la Banda della Magliana che, del resto, erano arrivati anche a Forte Braschi: Fonti il 4 aprile incontrò il direttore del Sismi Giuseppe Santovito, tramite Pino, e quello gli chiede se ha notizie precise riguardo ad un appartamento in via Gradoli 96. "Gli rispondo che, in effetti, ho sentito questo indirizzo da amici, e lui commenta: ‘Tutto vero, Fonti: è giunto il momento di liberare il presidente Moro'. In ogni caso, aggiunge congedandomi, 'teniamoci in contatto tramite Pino"...

Dunque anche il pidduista Santovito sapeva… ed anche l’Anello di Adalberto Titta, tramite i suoi contatti con il boss della Camorra Raffaele Cutolo, aveva saputo in tempo reale dove fosse la prigione di Moro e cioè, con buone probabilità, via Gradoli. Questa ipotesi, è bene ricordarlo, è stata solo brevemente presa in considerazione dagli inquirenti: poi si è sempre affermato che l’unica prigione di Moro sia stata quella di via Montalcini. Ammettendo la prima possibilità, infatti, lo Stato avrebbe incolpato se stesso della morte di Moro.

Titta era molto amico dell’avvocato Francesco Gangemi, difensore e amico, a sua volta, di Raffeale Cutolo. Gangemi è un uomo chiave dei molteplici contatti che sono stati intrecciati da Camorra, Banda della Magliana - all’interno della quale don Rafè aveva i suoi fidati ‘inviati’ - e l’Anello. Democristiano, avvocato di fiducia e testimone di nozze di Raffaele Cutolo, fu Gangemi a far da tramite nei contatti tra Cutolo e Titta nei cinquantacinque giorni del sequestro di Aldo Moro: un copione che sarà ripetuto successivamente quando l’ostaggio sarà il Dc napoletano Ciro Cirillo, un pezzo da novanta del partito ma senza la statura del più sfortunato collega. Al magistrato romano De Ficchy, che aveva aperto una specifica inchiesta sulle trattative sotterranee durante i cinquantacinque giorni, Cutolo non esitò ad affermare che "a rivolgersi a lui, a nome della democrazia cristiana, era stato l’avvocato calabrese Francesco Gangemi". Il potente capo della Nuova Camorra Organizzata si diede molto da fare, ma solo fino a quando qualcuno nella Dc gli suggerì di farsi i fatti suoi. La storia dei suoi contatti con le Br è nota: don Rafè la raccontò pure davanti alle telecamere.

Cutolo, per la sua missione speciale, si rivolse al gruppo di Giuseppucci, non uno qualsiasi ma il capo della Banda della Magliana fino al settembre del 1980: l’intermediario era Nicolino Selis, suo ambasciatore nella capitale, uno che controllava la zona di Acilia, alla periferia della capitale per conto della Banda della Magliana e che voleva a tutti i costi creare una ‘colonna’ romana della Nuova Camorra: "A dire di Selis - confidò Cutolo al magistrato - la prigione del parlamentare democristiano si trovava nei pressi di un appartamento che egli [Selis] teneva come nascondiglio per le sue eventuali latitanze". Il boss stava alludendo a via Montalcini? Nomi di vie non ne ha fatti. C’è solo da notare che difficilmente Selis intendeva riferirsi ad una via in piena zona della Magliana, nella periferia ovest della capitale, dove si trovava via Montalcini, a meno che non si nascondesse, quando gli sbirri gli stavano troppo addosso, proprio nel suo quartiere, cioè là dove avrebbero potuto stanarlo meglio. Disse Cutolo: «Avrei potuto salvare la vita dell’onorevole Moro perché, grazie a informazioni ottenute da alcuni membri della Banda della Magliana, avevo saputo dove era la sua prigione. Mi incontrai con il sedicente “inviato di Cossiga” che mi promise persino sconti di pena. Ma in seguito ricevetti una visita del mio fedele luogotenente Vincenzo Casillo, latore di un messaggio di alcuni politici campani: "Don Rafè, facitevi’e fatte vuoste'". L’inviato di Cossiga, rivelò poi Cutolo, era Nicola Lettieri, il sottosegretario all’Interno che durante i 55 giorni del sequestro, come abbiamo già visto, guidava il «comitato di crisi» del Viminale.

L’intermediazione del capo della Camorra campana si fermò, dunque, di fronte ad uno stop, un altro dopo quello opposto a vari altri interlocutori. Nicolino Selis, che fornì a Cutolo indicazioni sul luogo della prigione, non può certo confermare: scomparso nell’1981, il suo cadavere non è mai stato trovato, forse sotterrato ad Acilia, vicino al Tevere, coperto con la calce viva.
Non è finita la lista delle segnalazioni di via Gradoli: al contrario, è assai lunga. Ed un ex appartenente all’Anello ha anche detto esplicitamente di aver saputo, durante il sequestro, che Moro si trovava in via Gradoli ma che all’Anello, pronto a fare il blitz, fu ordinato di stare a guardare.

Sarebbe sbagliato considerare la questione alla stregua di un esercizio dietrologico: la pista di via Gradoli come prigione di Moro porta infatti, inevitabilmente, alla conclusione che la prigione era nota allo Stato ma che l’ostaggio non doveva essere salvato. Se in via Gradoli è stato tenuto Moro, come fanno supporre i tanti elementi esposti, sarebbe più comprensibile il grande mistero creato attorno a questo nome, nonché l’urgenza di evacuare quella sede facendo ricorso a metodi stravaganti, come un procurato allagamento.

Francesco Fonti, dunque, fornisce un nuovo tassello a questo intreccio di misteri omertosi e si dà pure una risposta ad alcune stranezze: nel 1990 era nel carcere di Opera insieme a Mario Moretti e si accorse che il capo delle Br riceveva ogni mese una busta con un assegno circolare. "Qualche tempo dopo - ha rivelato Fonti - un brigadiere che credo si chiami Lombardo mi confida che, per recapitare i soldi (del ministero dell'Interno, ndr) lo hanno fatto risultare come un insegnante di informatica, e in quanto tale è stato retribuito. L'ennesimo mistero tra i misteri del caso Moro, dico a me stesso; l'ennesima zona grigia in questa storia tragica". Ed è la prima volta, dopo tante allusioni alla doppiezza della sfinge delle Br, che arriva una accusa affilata come una lama contro Mario Moretti.

Stefania Limiti è autrice de "L’Anello della Repubblica" (Chiarelettere, 2008)

 




In relazione al libro L'Anello della Repubblica di Stefania Limiti, pubblicato da Chiarelettere ad aprile 2009, segnaliamo il seguente errore: Eugenio Duroni, citato alle pagine 111 e 113, si chiama in realtà Eugenio DUGONI.
Ci scusiamo dell'errore con i nostri lettori.

Stefania Limiti
La redazione di Chiarelettere



Dal 16 aprile in libreria

"La storia di un servizio segreto di cui per più di mezzo secolo non è emersa pubblicamente nessuna informazione"

Giuseppe De Lutiis

“Il Noto servizio o Anello ha svolto un ruolo che non avrebbe mai potuto garantire alla luce del sole: indirizzare scandali, campagne di stampa, corruzione, sparizione di documenti, ricatti, arruolamenti di delinquenti.”
Dalla postfazione di Paolo Cucchiarelli.

Una scoperta per caso.
Un servizio segreto di cui nessuno ha mai saputo nulla venuto fuori dagli archivi del Viminale. Una storia tutta italiana, quasi incredibile. Il “noto servizio” o “Anello” è una struttura occulta che ha avuto un ruolo decisivo nella storia della Repubblica. Compito principale: ostacolare le sinistre e condizionare il sistema politico con mezzi illegali, senza sovvertirlo. Non è stata una meteora: ha operato dal 1945 fino agli inizi degli anni Ottanta, alle “informali” dipendenze del capo del governo.

Creato per volontà dell’ex capo dei servizi segreti fascisti(!), il generale Mario Roatta, e poi gestito da Adalberto Titta, un ex repubblichino, fu promosso dalla Cia e costituito da ex ufficiali badogliani, imprenditori, faccendieri, giornalisti. Tutto in collaborazione con la malavita e la mafia.

Seguendo le tracce del “noto servizio”, il libro rivela il coinvolgimento di questa struttura in tre episodi fondamentali: la fuga del nazista Kappler dal Celio, frutto di un accordo tra governo italiano e tedesco; la trattativa del Vaticano con le Brigate Rosse per la liberazione di Aldo Moro; l’accordo con la camorra per la liberazione dell’assessore democristiano, Ciro Cirillo.

Testimoni e preziosi riscontri sui documenti che Aldo Giannuli ha scoperto nel 1996 indagando sullo stragismo nero confermano quello che fino a ieri era solo un’ipotesi: la “sicurezza” della nostra Repubblica nasce in continuità con il fascismo, è controllata dagli americani, e affidata a personaggi senza scrupolo e spesso coinvolti con la criminalità. Complice la Democrazia cristiana. Andreotti sapeva, ma anche Moro e Craxi. Noi no. Ecco le prove.

L’Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Prefazione di Giuseppe De Lutiis
Postfazione di Paolo Cucchiarelli
Collana: Principio Attivo,
Pagine 340 - euro 16,00
Leggi la rassegna

Acquista il libro

Stefania Limiti, 43 anni, è nata a Roma ed è laureata in Scienze politiche. Giornalista professionista, ha collaborato con varie testate su temi di attualità politica ed è autrice de I fantasmi di Sharon (Sinnos 2002) e di «Sono stato rapito a Roma», Storia del tecnico nucleare israeliano Mordechai Vanunu (Edizioni L’Unità 2006).


sfoglia settembre        novembre

 

VIDEO

Sottoscrivi via email gli aggiornamenti di questo blog

Feed RSS di questo blog  RSS 2.0

CONTATTI
info@chiarelettere.it
Tel. +39.02.00649632
Via Melzi d'Eril 44
20145 Milano


Chiarelettere è promossa da
Pro Libro Service s.r.l. info@prolibroservice.it
e distribuita da Messaggerie



I LIBRI DI CHIARELETTERE

Metastasi
Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud.
La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito
di Gianluigi Nuzzi con Claudio Antonelli
Collana: Principio attivo
Pp 208 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Gaber. L'illogica utopia
Autobiografia per parole e immagini
a cura di Guido Harari
con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber
Pp 320 - euro 59
La scheda
Vai alla rubrica


Ai confini del mondo
Il viaggio, le inchieste, la vita di un reporter non comune.
Un libro di Giorgio Fornoni.
Un film di Gianandrea Tintori
Collana Dvd+libro
Pp 176, durata film: 60 minuti
euro 18,60 €
La scheda
Vai alla rubrica


La lobby di Dio
Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere
di Ferruccio Pinotti
con la collaborazione di Giovanni Viafora
Collana Principio attivo
Pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


1994
L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal Caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi.
Una storia mai raccontata.
di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari
Collana Principio attivo
pp. 480 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nel paese dei Moratti
Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale
di Giorgio Meletti
Collana Principio attivo 
pp. 256 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'Italia in Presadiretta
Viaggio nel paese abbandonato dalla politica
di Riccardo Iacona
Collana Reverse
pp. 192 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Di testa nostra
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana Reverse
pp. 224 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'agenda nera
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza.
Collana Reverse
pp.464 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La colata
di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari,
Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo
Collana: Principio Attivo
Pp. 544 - euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Intrigo internazionale
di Giovanni Fasanella e Rosario Priore
Collana Principio Attivo
Pagine 208 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

assaltoalpm
Assalto al Pm
di Luigi de Magistris
Collana Reverse
Pagine 336 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica

dopod il ui il diluvio
Dopo di Lui il diluvio
di Oliviero Beha
Collana Reverse
Pagine 256 - euro 14,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica

senz'anima
Senz'anima
di Massimo Fini
Collana Reverse
Pagine 496 - euro 15
La scheda del libro
Vai alla rubrica

pane e bugie
Pane e bugie
di Dario Bressanini
Collana Reverse
Pagine 320 - euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Controcanto
di Marco Revelli
Collana Reverse
euro 13,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Grazie

di Riccardo Staglianò
Collana Principio Attivo
Pagine 240 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito dell'amore
di Mario Portanova
Collana: Reverse
Pagine 256 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Ad personam
di Marco Travaglio
Collana Reverse
Pagine 608 - euro 16,90
La scheda del libro
Vai alla rubrica


I dieci giorni che sconvolgeranno il mondo
di Alain Minc
Traduzione di Valentina Abaterusso
Collana Reverse
Pagine 128 - euro 12
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il patto
di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci
Collana Principio Attivo
Pagine: 338 - euro 16,00
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La strada di Levi
di Davide Ferrario, Marco Belpoliti, Andrea Cortellessa
Collana DVD + libro
Euro 24
La scheda
Vai alla rubrica


Giorgio Perlasca
di Dalbert Hallenstein e Carlotta Zavattiero
Pagine: 220 - euro 14
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Tourbook - Fabrizio De André 1975/98
di Fondazione Fabrizio De André onlus
a cura di Elena Valdini
Pagine: 484 - euro 59,00
La scheda del libro


Dentro l'Opus Dei
di Emanuela Provera
Collana: reverse
Pagine: 216 - euro 4,00
La scheda del libro


Fuori orario
di Claudio Gatti
Collana: principioattivo
Pagine: 241 - euro 15,00
La scheda del libro


Adesso basta
di Simone Perotti
Collana: reverse
Pagine: 195 - euro 14,00
La scheda del libro


La cura
di Michele Ainis
Collana: reverse
Pagine: 183 - euro 14,00
La scheda del libro


Agenda voglioscendere 2010
dal blog di Corrias, Gomez e Travaglio
a cura di Roberto Corradi
Prezzo: euro 12,90
La scheda


Il regalo di Berlusconi
di Peter Gomez e Antonella Mascali
Collana: principioattivo
Pagine: 339 - 15,00 euro
La scheda del libro


Presunto colpevole
di Luca Steffenoni
Collana: reverse
Pagine: 272 - 14,00 euro
La scheda del libro


Papi
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Collana: reverse
Pagine: 331 - 15,00 euro
La scheda del libro


Un inverno italiano
di Andrea Camilleri e Saverio Lodato
Collana: reverse
Pagine: 336 - euro 14,60
La scheda del libro


Miss Little China
di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco (DVD)
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò (libro)
Collana: libro+DVD
Pagine: 77 - euro 19,60
La scheda del libro


Processo agli economisti
di Roberto Petrini
Collana: reverse
Pagine: 170 - euro 13,60
La scheda del libro


Vaticano S.p.A.
di Gianluigi Nuzzi
Collana: principioattivo
La scheda del libro
La rubrica dell'autore


Italia Anno Zero
di Beatrice Borromeo, Marco Travaglio e Vauro
Collana: reverse
La scheda del libro


I nuovi mostri
di Oliviero Beha
Collana: reverse
Pagine: 281 - 13,60 euro
La scheda del libro


La morsa
di Loretta Napoleoni
Collana: reverse
Pagine 186 - 13,60 euro
La scheda del libro


L'Anello della Repubblica
di Stefania Limiti
Collana: principioattivo
Pagine 337 - 16 euro
La scheda del libro


Giovani e belli
di Concetto Vecchio
Collana: principioattivo
Pagine 193 - 14 euro
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Sol dell'Avvenire
di Giovanni Fasanella e Gianfranco Pannone
Pagine: 127
Durata DVD: 77 minuti
Prezzo: euro 19,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Il gruppo su facebook


Passione reporter
di Daniele Biacchessi
Prefazione di Ferruccio De Bortoli
Collana: reverse
Pagine: 230 - euro 12,60
La scheda del libro
Il Teatro Narrativo Civile


Lotta civile
di Antonella Mascali
Collana: reverse
Pagine: 305 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Profondo nero
di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Collana: principioattivo
Pagine: 295 - euro 14,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


La questione immorale
di Bruno Tinti
Collana: reverse
Pagine: 205 - euro 13,60
La scheda del libro
Il blog di Bruno Tinti


Io sono il mercato
di Luca Rastello
Collana: reverse
Pagine: 176 - 12,00 euro
La scheda del libro


Un paese di baroni
di Davide Carlucci e Antonio Castaldo
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il suono e l'inchiostro
A cura del Centro Studi Fabrizio De André
Prezzo: euro 15,00
Collana: reverse
La scheda del libro


La Finanziaria siamo noi
di Stefano Lepri
Prezzo: euro 13,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro


Strage continua
di Elena Valdini
Prefazione di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: euro 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


ALZA LA TESTA!
di Piero Ricca
con Franz Baraggino, Diego Fabricio, Elia Mariano
Prefazione di Marco Travaglio
Prezzo libro + DVD: euro 16,60
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Un nuovo contratto per tutti
di Tito Boeri e Pietro Garibaldi
Prezzo: euro 10,00
Collana: reverse
La scheda del libro


Evaporati in una nuvola rock
a cura di Guido Harari e Franz Di Cioccio
Prezzo: euro 37,00
La scheda del libro


La paga dei padroni
di Gianni Dragoni e Giorgio Meletti
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Bavaglio
di Marco Lillo, Peter Gomez e Marco Travaglio
Introduzione di Pino Corrias
Prezzo: euro 12,00
Collana: principioattivo
La scheda del libro


I cinesi non muoiono mai
di Raffaele Oriani e Riccardo Staglianò
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il partito del cemento
di Marco Preve e Ferruccio Sansa
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il ritorno del principe
di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato
Prezzo: euro 15,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Non chiamarmi zingaro
di Pino Petruzzelli
Prezzo: euro 12,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


L'attentato
di Andrea Casalegno
Prezzo: euro 12
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Voglia di cambiare
di Salvatore Giannella
Prezzo: euro 13,40
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Se li conosci li eviti
di Peter Gomez e Maco Travaglio
Prezzo: euro 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Viaggio nel silenzio
di Vania Gaito
Collana: reverse
La scheda del libro
Il blog dell'autrice

Doveva morire
di Ferdinando Imposimato e Sandro Provvisionato
Prezzo: 15,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Nostra eccellenza
di Massimo Cirri e Filippo Solibello
Prezzo: 12,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica
La giornata del risparmio energetico

 
Sparlamento. Vita e opere dei politici italiani
di Carmelo Lopapa
Prefazione di Dario Fo e Franca Rame
Prezzo: 14,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



La Repubblica del ricatto

di Sandro Orlando
Prefazione di Furio Colombo
Prezzo: 14,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica









Mani sporche
di Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Marco Travaglio
Prezzo: 19,60
Collana: principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica
Ascolta l'incipit
 
 


 



Sante ragioni
Autori: Carla Castellacci, Telmo Pievani
Prezzo: 13,60
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



A piedi
Autori: Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro
Prezzo: euro 13,00
Collana: reverse
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Il giorno in cui la Francia è fallita
Autori: Philippe Jaffré, Philippe Ries
Prefazione di Francesco Giavazzi
La scheda del libro
Vai alla rubrica

Capitalismo di rapina
Autori: Paolo Biondani, Mario Gerevini, Vittorio Malagutti
Collana principioattivo
La scheda del libro
Vai alla rubrica



Toghe rotte
A cura di Bruno Tinti
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro

Vai alla rubrica

Ascolta l'incipit

Il blog dell'autore



Siamo Italiani
A cura di David Bidussa
Collana: reverse
Prezzo: 10 euro
La scheda del libro

Vai alla rubrica



L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino
Autori Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Prezzo: 12 euro
Prefazione di Marco Travaglio
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Il Paese della Vergogna
di Daniele Biacchessi
Prezzo 9,50
Prefazione di Franco Giustolisi
La scheda del libro
Vai alla rubrica


Italiopoli
di Oliviero Beha
Prezzo: 13,60
Prefazione di Beppe Grillo
La scheda del libro
Il blog dell'autore